Chiese in Provincia di Verona - città di : Chiesa della Madonna della Stra'

Chiesa della Madonna della Stra'
Chiesa di San Michele Arcangelo

VERONA
Via Strà - Belfiore (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
La chiesa di S. Michele in Belfiore venne edificata nel 1143 in stile romanico veronese. Nel 1497 la Confraternita della Beata Vergine fece costruire una statua lignea da collocare in chiesa. Da allora la venerazione per la sacra immagine crebbe sempre di più, fino a portare al cambio di dedicazione della chiesa stessa, che a partire dal 1592 nei documenti viene citata come santuario della Madonna della Strà (della Strà in quanto la chiesa sorge a lato di una antica strada di epoca romana e... Leggi tutto

Dettagli

La chiesa di S. Michele in Belfiore venne edificata nel 1143 in stile romanico veronese. Nel 1497 la Confraternita della Beata Vergine fece costruire una statua lignea da collocare in chiesa. Da allora la venerazione per la sacra immagine crebbe sempre di più, fino a portare al cambio di dedicazione della chiesa stessa, che a partire dal 1592 nei documenti viene citata come santuario della Madonna della Strà (della Strà in quanto la chiesa sorge a lato di una antica strada di epoca romana e poi medievale, chiamata Porcilana). In precarie condizioni statiche, l’edificio venne puntellato nel 1894 per essere poi integralmente restaurato nel 1905 e nel 2004. Esternamente si presenta con facciata a salienti in stile romanico. Orientamento ad occidente. Torre campanaria addossata al fianco settentrionale della chiesa. Impianto planimetrico di tipo basilicale a tre navate concluse con absidi semicircolari, presbiterio rialzato di tre gradini. Le strutture murarie sono realizzate in conci squadrati di tufo alternati a corsi di mattoni pieni in laterizio e ciottoli di fiume. L’ambiente dell’aula è coperto dalla sovrapposta struttura lignea di copertura a due falde con travature a vista e manto in coppi di laterizio; presbiterio è absidi sono chiusi da volte in muratura. La pavimentazione della navata è realizzata in lastre di nembro rosato; in breccia rosata quella del presbiterio. Lungo le pareti interne si conservano lacerti di affreschi. Buone le condizioni di conservazione.

Pianta

La chiesa presenta un impianto planimetrico di tipo basilicale a tre navate concluse con absidi emergenti semicircolari, separate da due filari di colonne alternate a pilastri; il presbiterio, rialzato di tre gradini, occupa l’ultima campata della navata centrale e si conclude con l’abside maggiore. Sul fianco settentrionale della chiesa si eleva addossata la massiccia torre campanaria; sul lato opposto dell’edificio insiste un corpo edilizio al cu interno si colloca la sacrestia, in comunicazione diretta con l’aula (navata destra). L’ingresso principale si apre al centro della parete di facciata verso l’ampio sagrato antistante; è presente un ingresso laterale sul fianco meridionale dell’aula (navata sinistra).

Facciata

Facciata a salienti in tipico stile romanico veronese, caratterizzato da fasce orizzontali in mattoncini di laterizio alternate a fasce orizzontali in blocchi squadrati di tufo. Orientamento ad occidente. Al centro si apre il portale d’ingresso di forma rettangolare, con piedritti in marmo rosso della Valpolicella ed architrave in pietra calcarea bianca della Lessinia. Lo sovrasta un protiro pensile. Sopra il protiro una bifora a tutto sesto illumina l’interno dell’edificio. Il prospetto è chiuso verticalmente da quattro spioventi in pietra calcarea recanti nel sottogronda una decorazione ad archetti pensili ed una cornicetta a denti di sega.

Strutture di elevazione

Le strutture di elevazione sono realizzate in muratura portante costituita da conci squadrati di tufo calcareo con tessitura regolare, alternati a corsi in mattoni pieni di laterizio (parete di facciata) o a filari in ciottoli di fiume disposti a “spina di pesce” (pareti longitudinali della navata maggiore) legati con malta di calce; i setti murari che definiscono la navata centrale sono sostenuti da arcate in blocchi di tufo poggianti su colonne e pilastri in pietra. Sono presenti catene metalliche longitudinali per il rinforzo delle ammorsature delle strutture murarie, e per il collegamento della facciata con la parete corrispondente all’arco trionfale; è presente un tirante trasversale in corrispondenza della linea di imposta dell’arco trionfale. I paramenti murari sono in parte intonacati e tinteggiati, ed in parte con tessitura a vista.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

L’ambiente dell’aula è coperto dalla sovrapposta struttura lignea di copertura con travature e capriate (navata centrale) a vista. Il vano del presbiterio è chiuso da una volt

1143 - 1143 (origini e costruzione intero bene)

La chiesa di S. Michele in Belfiore venne costruita nel 1143 per volere di tale sacerdote Ambrogio che ne affidò l’erezione agli architetti Borgo e Malfatto. L’evento è ricordato da una lapide, conservata presso il Museo Lapidario Maffeiano, il cui testo recita: “ANI DOMINI MILESIMO / CENTESIMO QUADRAIESIMO TERCIO. INDICIO / NE SESTA. TEMPORE TEBALDI EPISCOPI / PROPE FESTIUITATEM SANCTI MAR / TINI SACERDOS AMBROSIUS / FUIT AUTOR UIUS OPERIS BORGO / ET MALFATO QUI TUNC ABITABANT / IN UERONENSI CASTO EXISTENTIBUS / MAGISTRIS”.

XIV sec. - XIV sec. (Decorazione ad affresco interno)

Nel corso del XIV sec. l’interno dell’edificio venne decorato ad affresco. Di tali decorazioni sono tutt’ora visibili una S. Maria Maddalena, un S. Onofrio, un apostolo e una S. Coronata sui due pilastri in prossimità dell’altare, un vescovo ed un S. Bartolomeo sul secondo pilastro di destra (guardando l’altare) ed una S. Agata e una Vergine con Bambino sul terzo pilastro di sinistra.

1497 - 1497 (Costruzione e collocazione statua della Madonna della Stra’ )

La statua lignea della Madonna della Stra’ venne realizzata nel 1493 dallo scultore veronese Giovanni del Zebellana (Verona 1457-Verona 1504, bibl. G. Ericani, "La scultura lignea veronese tra Quattro e Cinquecento", in Sulle tracce di Mantegna. Zebellana, Giolfino e gli altri. Sculture lignee tra Lombardia e Veneto (1450 – 1540), Calcinato (Bs) 2004). Ai lati dello sgabello della statua è inciso il seguente testo: “MADON / A DELA CON /PAGNIA / DE PORCI / LE ANO 1497”. Si da subito grane fu la venerazione per la statua, venerazione che crebbe, per le grazie fatte ai fedeli, dopo la peste del 1630.

XVI sec. - XVI sec. (costruzione cappelle laterali )

Le due cappelle laterali, dedicate a S. Agata e S. Onofrio, vennero edificati nel corso del XVI sec.

1592 - 1592 (cambio dedicazione carattere generale )

Fino al 1592 nei documenti la chiesa è citata come S. Michele in Porcile (antico nome del paese di Belfiore). Dopo tale data, in virtù della grande devozione per la statua della Vergine, comincia a figurare come Madonna della Strà.

1783 - 1783 (restauro intero bene )

Nel 1783 l’edificio, in pessime condizioni statiche, venne restaurato.

1894 - 1894 (consolidamento e chiusura al culto intero bene )

Nel 1894 l’edificio versava in condizioni statiche precarie. In considerazione delle difficoltà economiche del momento si optò per un consolidamento provvisorio. La facciata fu puntellata, vennero applicate catene metalliche alla navata centrale mentre coro e facciata furono legati da cinque spessi tiranti in ferro. Da allora fino al 1905 la chiesa rimase chiusa al culto. L'anno seguente si ripresero i lavori di restauro, sotto la direzione del marchese ing. Alessandro da Lisca. In tale occasione venne demolito e ricostruito il tetto, troppo ammalorato per essere semplicemente restaurato. Venne inoltre raddrizzata la facciata che minacciava di crollare e fu restaurata l’abside. Il pavimento venne abbassato alla quota originaria e furono riportati alla luce alcuni affreschi dipinti su pilastri e lungo le pareti.

2004 - 2004 (restauro intero bene)

Risale al 2004 l’intervento di restauro dell’interno e della copertura della chiesa di Madonna della Strà. Progetto a cura dell’arch. Daniela Bravi, Lorenza Santolini e Giuseppe Bonturi.

Mappa

Cimiteri a VERONA

Via Casello Sorga' (Vr)

Via Cantona Ronco All'adige (Vr)

Via Baesse 36 Costermano (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Fontanelle 2 San Bonifacio

Via Noris 1 Verona

Snc, Via Gardesana Snc Bardolino