Chiese in Provincia di Verona - città di : Chiesa di San Pietro Apostolo

Chiesa di San Pietro Apostolo
Chiesa di San Peretto

VERONA
Negrar (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
La chiesetta di San Pietro, o, come è chiamata dagli abitanti della zona, di San Peretto, sorge in una bella posizione collinare, circondata dagli ulivi, in località Tomenighe di Negrar. Venne edificata nel XII sec. in stile romanico, orientata secondo l'asse liturgico tradizionale e dotata di una bella torre campanaria edificata in pietra calcarea. Tra la metà e la fine del XIX sec. venne ampliata in lunghezza (verso ovest) e invertita nell'orientamento. L'interno, ad aula unica è molto... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesetta di San Pietro, o, come è chiamata dagli abitanti della zona, di San Peretto, sorge in una bella posizione collinare, circondata dagli ulivi, in località Tomenighe di Negrar. Venne edificata nel XII sec. in stile romanico, orientata secondo l'asse liturgico tradizionale e dotata di una bella torre campanaria edificata in pietra calcarea. Tra la metà e la fine del XIX sec. venne ampliata in lunghezza (verso ovest) e invertita nell'orientamento. L'interno, ad aula unica è molto semplice. Sei capriate lignee reggono la copertura a due falde in coppi. Pavimentazione in piastrelle in cemento policrome. Buone le condizioni di conservazione.

Pianta

La chiesa presenta un impianto planimetrico ad unica aula rettangolare; il presbiterio, a pianta rettangolare e rialzato di un gradino, mantiene la stessa larghezza della navata e si conclude con il vano absidale emergente a sviluppo poligonale a cinque lati. L’ingresso principale, con bussola lignea interna, si apre al centro della parete di facciata; sul fianco meridionale è presente un ingresso laterale; una terza apertura è presente sul lato sud dell’abside. Sul fianco settentrionale della navata, in posizione attigua alla facciata principale, si eleva la torre campanaria. Un volume minore a pianta quadrata, ospitante la sacrestia, è posto in addossamento al fianco meridionale del presbiterio, con il quale è in comunicazione mediante un’apertura. Al corpo absidale si affianca un modesto corpo di fabbrica adibito a deposito e centrale termica.

Facciata

Facciata a capanna, rivolta ad oriente. al centro si apre il portale di ingresso rettangolare in pietra calcarea locale. Sul vertice sommitale, infissa in un supporto litico, campeggia una piccola croce ferrea.

Strutture di elevazione

Le murature di elevazione del fianco settentrionale della navata sono realizzate con struttura a sacco costituite da conci di pietra calcarea con organizzazione piuttosto disomogenea, con presenza di puntuali elementi in laterizio. Le pareti del presbiterio e dell’abside mostrano una maggiore regolarità della tessitura muraria. Sono presenti due tiranti metallici trasversali in corrispondenza delle arcate che separano il presbiterio dalla navata e dall’abside.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

L’ambiente interno è coperto dalla struttura lignea della copertura a due falde con capriate e travature a vista.

Coperture

La struttura portante della copertura a due falde dell’aula è costituita da sei capriate lignee a schema statico semplice con monaco centrale e saette di controventatura. In corrispondenza degli incastri nelle murature d’ambito le testate delle incavallature poggiano su mensole in pietra modanate. Sono presenti staffature metalliche a rinforzo del collegamento monaco-catena. L’orditura secondaria, di tipo tradizionale, è costituita da arcarecci e correntini lignei, con sovrapposte tavelle in laterizio. Manto di copertura in coppi di laterizio. Il presbiterio presenta una struttura portante costituita da arcarecci a sezione circolare che si innestano nelle pareti trasversali. La struttura di sostegno della copertura dell’abside è realizzata invece da un sistema di puntoni disposti a raggiera a partire dall’arco trionfale e che si innestano nelle angolate delle murature perimetrali. Orditura secondaria in travetti lignei con sovrapposto manto sottocoppo in tavelle di laterizio.

Pavimenti e pavimentazioni

La pavimentazione dell’aula è realizzata in piastrelle quadrate di cemento con inerti colorati che disegnano un motivo geometrico policromo (rosso, giallo e bianco) con cornice perimetrale. La pavimentazione del presbiterio e dell’abside è realizzata in piastrelle esagonali in cemento che compongono un disegno geometrico policromo nelle tinte del grigio, nero e bianco.

Prospetti interni

L’ambiente interno è caratterizzato da una complessiva sobrietà compositiva e decorativa. I prospetti interni dell’aula sono caratterizzati da un rivestimen

XII sec. - XII sec. (origini e costruzione intero bene )

Le origini della chiesa di San Pietro Apostolo sono antiche. In base all'analisi stilistica del campanile, unica struttura superstite del complesso chiesastico romanico, la chiesa originaria è attribuibile ai primi anni del XII sec. Si trattava di una cappella soggetta alla pieve di San Martino di Negrar, orientata secondo l'asse liturgico tradizionale (ora l'orientamento è inverso), ad aula unica, di piccole dimensioni, dotata di una bella torre campanaria romanica (tutt'ora visibile) e di un piccolo cimitero. Era amministrata dai chierici della pieve. Nelle fonti l'edificio compare citato come ecclesia Sancti Petri de Thomenigis (identificabile con l'attuale località Tomenighe).

1530 - 1594 (interventi vari intero bene )

Tra 1530 e 1532, come si evince dalla visite pastorali del vescovo Giberti (1524-1543), venne riparato il tetto della chiesa. Tra 1577 e 1594 (visite vescovo Ago. Valier, 1565-1606) si mise mano ai solai del campanile che necessitavano di riparazione.

1699 - 1699 post (restauro tetto intero bene)

Nel 1699 il vescovo Barbarigo (1697-1714) ordinò altre riparazioni al tetto della chiesa affinchè non piovesse all'interno dell'edificio.

1850 - 1910 (ampliamento e cambio di orientamento intero bene)

Tra la metà del XIX sec. ed i primi anni del XX sec. (come si evince dal confronto tra il Catasto Austriaco del 1847 ed il Catasto Italiano del 1906) e la chiesa di San Peretto assunse l'aspetto attuale. L'edificio venne ampliato in lunghezza (verso ovest) ed invertito nell'orientamento della facciata da occidente (come era) ad oriente (come è attualmente).

1910 post - 1940 ante (costruzione sagrestia)

Nella seconda metà del XX sec. venne aggiunta a lato dell'abside un locale ad uso sagrestia.

Mappa

Cimiteri a VERONA

Via Spiazzi Bosco Chiesanuova (Vr)

Via Della Rimembranza Oppeano (Vr)

Via Roe 1 Cerea (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Madonna, 151 37051 Bovolone

Via S. Francesco 22 San Pietro In Cariano