Chiese in Provincia di Verona - città di : Chiesa di San Pietro in Vincoli

Chiesa di San Pietro in Vincoli
S. Pietro in Vincoli

VERONA
Via Belvedere, 8 - Azzago, Grezzana (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
Il territorio di Azzago venne concesso nel 988 all’abazia di S. Zeno Maggiore dall’imperatore Ottone III. Qui i monaci benedettini edificarono una prima chiesa. Al 1593 risale l’erezione in parrocchia. Tra 1864 e 1869 la ricostruzione dell’edificio nelle forme attuali. Esternamente si presenta con facciata a capanna, in stile neoclassico. Orientamento a meridione. Torre campanaria adiacente il fianco orientale della chiesa. Impianto planimetrico ad unica aula rettangolare con quattro... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Il territorio di Azzago venne concesso nel 988 all’abazia di S. Zeno Maggiore dall’imperatore Ottone III. Qui i monaci benedettini edificarono una prima chiesa. Al 1593 risale l’erezione in parrocchia. Tra 1864 e 1869 la ricostruzione dell’edificio nelle forme attuali. Esternamente si presenta con facciata a capanna, in stile neoclassico. Orientamento a meridione. Torre campanaria adiacente il fianco orientale della chiesa. Impianto planimetrico ad unica aula rettangolare con quattro semi-cappelle laterali, presbiterio quadrangolare rialzato di tre gradini protetto da balaustrata, concluso con un’abside a sviluppo poligonale. L’aula è coperta da una volta a botte con unghie laterali ritmata da costolonature trasversali; Il presbiterio è sovrastato da una semplice volta a botte unghiata; catino absidale a cinque vele con costolonature intermedie; le strutture voltate sono realizzate in canniccio intonacato. Copertura a due falde con struttura lignea portante e manto in coppi di laterizio. La pavimentazione della navata è realizzata in lastroni rettangolari di pietra bianca calcarea e rosso ammonitico; il presbiterio è pavimentato con piastrelle di cemento decorate. Le pareti interne sono ritmate da lesene corinzie con fusto scanalato, e coronate da un trabeazione modanata sommitale con fregio decorato; nel registro superiore delle pareti si svolge un ciclo di affreschi realizzato nei primi decenni del ‘900 da Carlo Donati e Angelo Zamboni. Buone le condizioni di conservazione dell’edificio.

Pianta

La chiesa presenta un impianto planimetrico ad unica aula rettangolare ad asse maggiore longitudinale, presbiterio quadrangolare rialzato di tre gradini protetto da balaustrata, di ampiezza ridotta rispetto la navata e concluso con un’abside a sviluppo poligonale a tre lati. Lungo i fianchi dell’aula si aprono quattro semi-cappelle, due su ciascun lato e fra loro prospicienti, che accolgono gli altari laterali: gli altari della Madonna Addolorata e del S. Cuore, sul lato orientale, l’altare di S. Teresa con S. Antonio di Padova e l’altare della Madonna scapolare, sul lato opposto. L’ingresso principale, con bussola lignea interna, si apre al centro della parete di facciata, preceduto da un’ampia scalinata esterna; è presente un’entrata laterale sul fianco destro della navata. Sul lato orientale del presbiterio si eleva la torre campanaria; sul lato opposto insiste un corpo di fabbrica minore ospitante le aule per la catechesi. Il complesso edilizio della casa canonica si colloca in aderenza al fianco orientale della navata: a piano terra, nelle immediate adiacenze della chiesa, sono presenti la sacrestia e la cappella feriale.

Facciata

Facciata a capanna in stile neoclassico. Orientamento a meridione. Un’ampia scalinata conduce al portale d’ingresso rettangolare sovrastato da timpanetto. Sopra il portale, su una mensola modanata, poggia una statua raffigurante il Santo patrono. Ai lati del portale due coppie di semicolonne con capitelli corinzi poggiano su altrettante zoccolature e reggono la trabeazione. Conclude il prospetto il timpano, il cu frontone è decorato con una cornice a denti di sega. Sul vertice sommitale campeggia una croce in ferro.

Strutture di elevazione

Le strutture portanti di elevazione sono realizzate in muratura mista in pietra, composta prevalentemente da conci di pietra calcarea della Lessinia legati con malta di calce. Sono presenti due tiranti metallici longitudinali sommitali che collegano la parete di facciata alla parete corrispondente all’arco trionfale.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

L’ambiente dell’aula è coperto da una controsoffittatura voltata a botte scandita in cinque campate da costolonature lisce trasversali; le due campate maggiori intermedie presentano unghie laterali. Il presbiterio è sovrastato da una semplice volta a botte unghiata, separata con una costolonatura trasversale dal catino absidale a cinque vele con costolonature intermedie. Le strutture voltate

988 - XII sec. (origini e costruzione intero bene)

L’imperatore Ottone III negli anni 988 e 996 concede all’abazia benedettina di S. Zeno Maggiore i beni e le famiglie “in Valle Paltenate in vico Azzago”. E’ probabile che un primo edificio di culto venne edificato dai monaci tra XI e XII sec.

1593 - 1593 (erezione in parrocchia carattere generale)

La chiesa di S. Pietro in Vincoli in Azzago venne eretta in parrocchia nel 1593, smembrandone il territorio dalla parrocchiale di S. Andrea in Romagnano.

1864 - 1869 (costruzione intero bene)

Tra 1864 e 1869 l’edificio venne ricostruito nelle forme neoclassiche attuali.

2010 - 2010 (costruzione cappella feriale)

Del 2010 è la costruzione della cappella feriale.

Mappa

Cimiteri a VERONA

Via Mazzini Valeggio Sul Mincio (Vr)

Viale Dei Cipressi 1 Villafranca Di Verona (Vr)

Via Cimitero 1 San Bonifacio (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Ciro Menotti 2/A San Bonifacio

Snc, Via Fontanelle Snc San Bonifacio

Via Monti Lessini 31 Cerro Veronese