Chiese in Provincia di Verona - città di : Chiesa di Sant'Antonio di Padova

Chiesa di Sant'Antonio di Padova
S. Antonio di Padova

VERONA
Caluri, Villafranca di Verona (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
La chiesa di S. Antonio in Caluri venne edificata nel 1911 dagli abitanti della frazione come rettoria della parrocchia dei SS. Pietro e Paolo Apostoli in Villafranca. Prima di allora gli abitanti della frazione di Caluri avevano per secoli utilizzato la vicina chiesetta di S. Antonio, edificata nel corso del XIV o del XV sec. dalla famiglia Vertua. L’erezione in parrocchia risale al 14 aprile del 1968. Esternamente l’edificio si presenta con facciata a capanna rivolta ad oriente. Torre... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di S. Antonio in Caluri venne edificata nel 1911 dagli abitanti della frazione come rettoria della parrocchia dei SS. Pietro e Paolo Apostoli in Villafranca. Prima di allora gli abitanti della frazione di Caluri avevano per secoli utilizzato la vicina chiesetta di S. Antonio, edificata nel corso del XIV o del XV sec. dalla famiglia Vertua. L’erezione in parrocchia risale al 14 aprile del 1968. Esternamente l’edificio si presenta con facciata a capanna rivolta ad oriente. Torre campanaria addossata al fianco meridionale della chiesa. Impianto planimetrico ad unica aula rettangolare, con presbiterio rialzato di un gradino concluso con abside a sviluppo semicircolare; sul lato settentrionale dell’aula si addossa l’altare di S. Giuseppe; sul lato opposto una semi-cappella emergente accoglie l’altare della Madonna. Le pareti interne, intonacate e tinteggiate, sono ritmate lungo i fianchi dell’aula da lesene lisce che si prolungano fino all’imposta delle capriate di copertura; la parete absidale è interamente decorata con una pittura murale. Copertura a due falde con travature lignee portanti e manto in coppi di laterizio. Il vano absidale è chiuso da una semi-calotta sferica intonacata. La pavimentazione della navata è realizzata in seminato alla veneziana con scaglie di marmi policromi; Il piano rialzato del presbiterio è pavimentato in lastre rettangolari di nembro giallo-rosato.

Pianta

La chiesa presenta un impianto planimetrico ad unica aula rettangolare a marcato sviluppo longitudinale, con presbiterio rialzato di un gradino, articolato su più livelli e concluso con un’abside a sviluppo semicircolare. Sul lato settentrionale dell’aula si addossa l’altare di S. Giuseppe; sul lato opposto una semi-cappella emergente accoglie l’altare della Madonna. Sul lato meridionale dell’abside si colloca la sacrestia, dalla quale avviene l’accesso alla cappella feriale ed agli ambienti dell’adiacente casa. L’ingresso principale, con bussola lignea interna, si apre al centro della parete di facciata, direttamente prospiciente la strada comunale. La torre campanaria si eleva addossata al fianco meridionale del presbiterio.

Facciata

Facciata a capanna. Orientamento a oriente. Intonacatura color giallo tenue. Al centro si apre il portale d’ingresso di forma rettangolare sovrastato da una lunetta priva di decorazione. Ai lati del portale, all’interno di due nicchie sono collocate due statuette raffiguranti la “Vergine Maria” e “S. Giuseppe”. Corona il prospetto il timpano con cornicione aggettante decorato a denti di sega.

Strutture di elevazione

Le strutture di elevazione sono realizzate in muratura portante di pietrame misto composta presumibilmente da conci di pietra, ciottoli e mattoni in cotto legati con malta di calce. I paramenti murari esterni ed interni sono intonacati e tinteggiati.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

L’ambiente dell’aula e del presbiterio sono coperti dalla sovrapposta copertura a due falde con travature e capriate a vista. Il vano absidale è chiuso da una semi-calotta sferica in canniccio, sulla quale si estende la pittura murale che interessa l’intera parete absidale.

Coperture

Copertura a due falde con struttura portante costituita da quattro capriate lignee a schema statico semplice con monaco centrale; orditura secondaria composta da arcarecci e travetti con sovrapposte tavelle in cotto; manto in coppi di laterizio.

Pavimenti e pavimentazioni

La pavimentazione della navata è realizzata in seminato alla veneziana con scaglie di marmi policromi, scandita da fasce trasversali con graniglia di marmo rosso. Il piano rialzato del presbiterio è pavimentato con lastre rettangolari di nembro giallo-rosato; il tabernacolo si colloca su un piano rialzato di tre gradini con rivestimento in marmo rosso Verona.

Prospetti interni

Le pareti interne della chiesa, intonacate e tinteggiate, sono ritmate lungo i fianchi longitudinali dell’aula da lesene lisce che si prolungano f

1911 - 1911 (origini e costruzione intero bene)

La chiesa di S. Antonio in Caluri venne edificata nel 1911 dagli abitanti della frazione come rettoria della parrocchia dei SS. Pietro e Paolo Apostoli in Villafranca. Prima di allora gli abitanti della frazione di Caluri avevano per secoli utilizzato la vicina chiesetta di S. Antonio, edificata nel corso del XIV o del XV sec. dalla famiglia Vertua.

1957 - 1957 (costruzione sagrestia)

Risale al 1957 la costruzione della sagrestia.

1962/04/14 - 1962/04/14 (erezione in parrocchia carattere generale)

La chiesa di S. Antonio in Caluri fu eretta in parrocchia in data 14 aprile 1962 su decreto del vescovo di Verona Giuseppe Carraro (1958-1978).

2009 - 2009 (tinteggiatura esterna intero bene)

Risale al 2009 l’intervento di tinteggiatura esterna della chiesa e del campanile. Progetto a firma dell’arch. Giuseppe Noventa

Mappa

Cimiteri a VERONA

Via San Martino Lazise (Vr)

Via Arzaron Villa Bartolomea (Vr)

Via Corso San Lorenzo Pescantina (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Predicale 49 Cologna Veneta

Via Chiesa 2 Sant'ambrogio Di Valpolicella

Via Raizzola Casaleone