Chiese in Provincia di Verona - città di : Chiesa della Santa Croce

Chiesa della Santa Croce
Chiesa di Santa Croce S. Croce

VERONA
Villa, Colognola ai Colli (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
La chiesetta di S. Croce venne edificata tra 1785 e 1786 come cappella privata dei conti Nichesola. Nel 1886 venne alienata a favore ditale don Domenico Carcereri il quale alla sua morte, avvenuta nel 1930 la lasciò in eredità alla chiesa parrocchiale di Colognola. L’edificio si presenta con facciata a capanna rivolta a settentrione. Impianto planimetrico ad unica navatella rettangolare, con presbiterio rialzato di un gradino con altare maggiore addossato alla parete di fondo, coperta da una... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesetta di S. Croce venne edificata tra 1785 e 1786 come cappella privata dei conti Nichesola. Nel 1886 venne alienata a favore ditale don Domenico Carcereri il quale alla sua morte, avvenuta nel 1930 la lasciò in eredità alla chiesa parrocchiale di Colognola. L’edificio si presenta con facciata a capanna rivolta a settentrione. Impianto planimetrico ad unica navatella rettangolare, con presbiterio rialzato di un gradino con altare maggiore addossato alla parete di fondo, coperta da una controsoffittatura piana in canniccio. Le pareti interne, intonacate e tinteggiate, sono coronate da una cornice modanata a stucco; lungo i prospetti longitudinali un’ampia specchiatura rettangolare ospita due pitture murali raffiguranti il Crocifisso e l’Annunciazione. All’esterno l’intonacatura conserva tracce di una decorazione a fasce alterne color ocra e rosso mattone, ed un motivo ad archetti pensili lungo la cornice a guscia sommitale; sul fianco occidentale due nicchie accolgono le statue della Madonna con Gesù Bambino e di S. Giovanni Nepomuceno. La pavimentazione è realizzata in pianelle di cotto. Copertura a due falde con struttura lignea portante e manto in coppi di laterizio. Discrete le condizioni di conservazione dell’edificio.

Pianta

Oratorio di modeste dimensioni ad unica navatella rettangolare con asse maggiore longitudinale, presbiterio rialzato di un gradino con altare maggiore addossato alla parete di fondo, fiancheggiato da due aperture che immettono nel locale retrostante adibito a sacrestia. L’ingresso principale, con bussola lignea interna, si apre al centro della parete di facciata.

Facciata

Facciata a capanna rivolta a settentrione. Al centro si apre il portale d’ingresso di forma rettangolare sovrastato da un frontoncino. Più in alto una finestra di forma semicircolare illumina l’interno dell’edificio. Conclude verticalmente il prospetto il timpano, culminante con una croce in ferro.

Strutture di elevazione

Le strutture portanti di elevazione sono realizzate in muratura di mista costituita da conci di tufo, pietra calcarea e mattoni di laterizio legati con malta di calce. I paramenti murari esterni ed interni presentano un rivestimento ad intonaco.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

L’ambiente dell’aula è coperto da una controsoffittatura piana in canniccio intonacato, collegato ad una semplice orditura portante costituita da travetti lignei, decorata verso l’intradosso con semplici cornici e specchiature disegnate a tempera.

Coperture

Copertura a due falde con presunta struttura portante costituita da semplici capriate lignee (ovvero con trave di colmo centrale e falsi puntoni laterali); orditura secondaria di tipo tradizionale composta da arcarecci e travetti; manto in coppi di laterizio.

Pavimenti e pavimentazioni

La pavimentazione dell’aula, presbiterio e sacrestia è realizzata in pianelle quadrate di cotto posate a corsi obliqui; al centro della navata una lastra tombale in pietra calcarea bianca con iscrizioni; il piano del presbiterio è rialzato con un gradino in pietra.

Prospetti interni

Il piccolo e modesto ambiente interno dell’Oratorio, dalle linee sobrie ed equilibrate, presenta i prospetti interni intonacati e tinteggiati, coronati da una cornice modanata a stucco che si sviluppa cingendo l’intero perimetro; al centro delle pareti longitudinali un’ampia specchiatura rettangolare ospita due pitture murali raffiguranti il Crocifisso, sul lato orientale, e l’Annunciazione sul lato opposto; al centro della parete absidale è posta una tela raffigurante la Pietà.

Prospetti esterni

I prospetti esterni si sviluppano con una geometria semplice e regolare, presentano un rivestimento ad intonaco che conserva tracce di una decorazione a fasce alterne color ocra e rosso mattone, ed un motivo ad archetti pensili lungo la cornice a guscia sommitale; sul fianco occidentale due nicchie ogivali con colonnine in pietra accolgono le statue della Madonna con Gesù Bamb

1785 - 1786 (origini e costruzione intero bene)

La chiesa di S. Croce venne eretta nel 1785-1786 per volere del conte Giulio Nichesola come cappella della sua casa dominicale.

1886 - 1930 (passaggio di proprietà carattere generale)

Nel 1886 l’edificio venne venduto da Alessandro Nichesola a don Domenico Carcereri, il quale, defunto nel 1930, lo lasciò in eredità alla chiesa parrocchiale dei SS. Fermo e Rustico in Colognola ai Colli, a cui tutt’ora appartiene.

Mappa

Cimiteri a VERONA

Via Corso San Lorenzo Pescantina (Vr)

Via Montespada Sona (Vr)

Via San Vito 30 (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Carlo Alberto, 22 37057 San Giovanni Lupatoto

Via Roma 13 Montecchia Di Crosara