Chiese in Provincia di Verona - città di : Chiesa di Sant'Antonio Abate

Chiesa di Sant'Antonio Abate

VERONA
Negrar (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
L'oratorio di Sant'Antonio Abate sorge nella contrada di Ceré, situata nell'alta valle di Negrar, al cui comune appartiene. Edificato per devozione propria nel 1668 dal conte Tommaso Tommasini, veniva utilizzato saltuariamente, in particolare durante la festa del Santo Patrono. Di piccole dimensioni, esternamente presenta prospetto neoclassico con facciata a capanna , intonacata color giallo ocra. L'interno è molto semplice, ad auletta unica, ben tenuto. Pianta Oratorio ad unica navata... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

L'oratorio di Sant'Antonio Abate sorge nella contrada di Ceré, situata nell'alta valle di Negrar, al cui comune appartiene. Edificato per devozione propria nel 1668 dal conte Tommaso Tommasini, veniva utilizzato saltuariamente, in particolare durante la festa del Santo Patrono. Di piccole dimensioni, esternamente presenta prospetto neoclassico con facciata a capanna , intonacata color giallo ocra. L'interno è molto semplice, ad auletta unica, ben tenuto.

Pianta

Oratorio ad unica navata rettangolare con asse maggiore longitudinale e presbiterio definito da un basamento quadrangolare rialzato di un gradino su cui è collocata la sede del celebrante. Nella parete di fondo dell’aula un’apertura consente di accedere al locale adibito a sacrestia ospitato all’interno di un corpo di fabbrica minore che si addossa al fianco settentrionale della chiesa. L’ingresso principale, direttamente prospiciente la strada comunale, presenta una soglia leggermente rialzata.

Facciata

Facciata a capanna, neoclassica, intonacata di un color ocra acceso, rivolta a meridione. Portale d'ingresso rettangolare in pietra locale, sovastato da una finestra a lunetta con vetrata colorata di un verde di varia intensità. Frontone lineare, intonacato di bianco. Croce ferrea sul vertice sommitale.

Strutture di elevazione

Le strutture di elevazione sono realizzate in muratura portante con conci di pietra calcarea locale legati con malta di calce. Sul fianco orientale è presente un tirante metallico per il collegamento della struttura di copertura con la parete d’ambito. Sul lato opposto sono presenti due contrafforti murari in corrispondenza dell’elemento portante di copertura e dell’angolata settentrionale.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

L’ambiente interno è coperto dalla struttura lignea di copertura a vista.

Coperture

La copertura a due falde dell’aula presenta una struttura portante costituita da un’unica capriata lignea centrale a schema statico semplice con monaco centrale collegato alla catena mediante una staffatura metallica; l’orditura secondaria, di tipo tradizionale, è costituita da arcarecci e correntini con sovrapposto tavolato ligneo. Manto di copertura in coppi di laterizio.

Pavimenti e pavimentazioni

La pavimentazione interna è realizzata in piastrelle di cotto; il piano rialzato che ospita la sede del celebrante è costituito da lastre di pietra rosata di Prun contornate da un profilo in pietra bianca.

Prospetti interni

L’ambiente interno del piccolo oratorio è caratterizzato da un impianto spaziale semplice e sobrio, con un trattamento uniforme dell’intonacatura delle pareti; la parete absidale è dominata dall’elegante arco trionfale con modanature dipinte, ad eccezione del concio in chiave e delle imposte dell’arco realizzate in pietra; al suo interno la superficie affrescata riquadra la cornice centrale ospitante un crocifisso ligneo. Sulla parete di controfacciata è murata una lapide a memoria dell’erezione dell’oratorio. Sul fianco occidentale si aprono due alte finestrature rettangolari con profilo strombato e che, assieme alla finestratura a lunetta che sovrasta l’ingresso, consentono l’illuminazione naturale interna.

Prospetti esterni

I prospetti laterali esterni, dalla geometria semplice e lineare, si presentano intonacati e tinteggiati; sul fianco occidentale, ritmato da contrafforti murari, si aprono due alte finestrature rettangolari con semplici profili in pietra calcarea locale.

Campanile

Campaniletto a vela in muratura, collocato sulla copertura all'altezza dell'area presbiterale.

1668 - 1699 (origini e costruzione intero bene)

L'oratorio di Sant'Antonio Abate venne edificato per volere del conte Tommaso Tommasini nel 1668. Tale evento è ricordato in un'epigrafe a lato dell'ingresso (SAC. CONG. CIONC. DECRETO ET ILL. AC REV. SEB. PISANI EPI VERONEN ASSENSU ACCEDENTE IANUA HAEC APERTA FUIT ANO DNI MDCLXIIX). Dalla visita pastorale del vescovo di Verona G.F. Barbarigo (1697-1714), a Negrar nel 1699, veniamo a sapere che vi si celebrava saltuariamente ex devotione. Attualmente l'oratorio è soggfetto alla chiesa parrocchiale di San Martino di Tours in Negrar.

2003 - 2003 (passaggio di proprietà carattere generale)

Nel corso dei secoli la proprietà è passata alla famiglia Righetti, la quale, dopo aver provveduto all'integrale restauro dell'edificio, nel 2003 lo ha ceduto alla parrocchiale di Negrar.

Mappa

Cimiteri a VERONA

Viale Del Silenzio Bovolone (Vr)

Via Ugo Foscolo Nogarole Rocca (Vr)

Via Castello Lavagno (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Villaraspa, 9 37055 Ronco All'adige

Via Guglielmi 3 Negrar

Via Gioia Flavio 57 Verona