Chiese in Provincia di Verona - città di : Chiesa di San Rocco

Chiesa di San Rocco
S. Rocco

VERONA
San Giorgio in Salici, Sona (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
La chiesa di S. Rocco venne edificata nel primi anni del XVI sec. dagli abitanti della contrada. Originariamente cappella soggetta alla pieve di Palazzolo, di juspatronato della nobile famiglia Cavazzocca Mazzanti, nel 1556, in considerazione della distanza che la separava dalla pieve matrice, fu dotata di fonte battesimale, utilizzato fino al 1798, anno dell’erezione in parrocchia della chiesa di S. Giorgio in Salici, a cui oggi la chiesa di S. Rocco appartiene. Esternamente l’edificio si... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di S. Rocco venne edificata nel primi anni del XVI sec. dagli abitanti della contrada. Originariamente cappella soggetta alla pieve di Palazzolo, di juspatronato della nobile famiglia Cavazzocca Mazzanti, nel 1556, in considerazione della distanza che la separava dalla pieve matrice, fu dotata di fonte battesimale, utilizzato fino al 1798, anno dell’erezione in parrocchia della chiesa di S. Giorgio in Salici, a cui oggi la chiesa di S. Rocco appartiene. Esternamente l’edificio si presenta con facciata a capanna rivolta a sud-ovest. Campaniletto a vela posto al di sopra della falda di copertura settentrionale, all’altezza dell’intersezione tra aula e presbiterio. Impianto planimetrico ad unica aula rettangolare con presbiterio quadrangolare a fondale piatto rialzato di due gradini; sul fianco meridionale della navata si apre la cappellina con l’altare della Madonna, mentre sulla parte opposta si addossa l’altare di S. Rocco. L’aula è coperta dalla sovrapposta struttura lignea di copertura con travature e capriate a vista; il presbiterio è chiuso da una volta a botte con decorazione a cassettoni realizzata a tempera. Copertura a due falde con manto in coppi di laterizio. La pavimentazione è realizzata in pianelle di cotto.

Pianta

La chiesa presenta un impianto planimetrico ad unica aula rettangolare con asse maggiore longitudinale, presbiterio a pianta quadrangolare a fondale piatto, rialzato di due gradini e di ampiezza ridotta. Sul fianco meridionale della navata, in prossimità del presbiterio, si apre una piccola cappella emergente con l’altare della Madonna; a questa si contrappone, sul lato opposto, l’altare di S. Rocco, addossato alla parete. L’ingresso principale, protetto internamente con un cancelletto in ferro battuto, si apre al centro della parete di facciata; è presente un’entrata laterale sul fianco meridionale dell’aula.

Facciata

Facciata a capanna rivolta a sud-ovest, interamente edificata in ciottoli di fiumi faccia a vista. Al centro si apre il portale di’ingresso di forma rettangolare sovrastato da un timpano. Più in alto un oculo illumina l’interno dell’edificio. Sul vertice sommitale e su quelli laterali campeggiano tre pinnacoli.

Strutture di elevazione

Le strutture di elevazione sono realizzate in muratura portante di pietrame misto composto da ciottoli di fiume legati con malta di calce, alternati a puntuali conci di pietra calcarea, tufo e mattoni in laterizio. I paramenti murari esterni sono privi di intonacatura; le pareti interne sono intonacate e tinteggiate.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

L’ambiente dell’aula è coperto dalla sovrapposta struttura lignea di copertura con travature e capriate a vista; la cappellina della Madonna è sovrastata da una semplice volta a botte, intonacata e tinteggiata verso l’intradosso. Il vano del presbiterio è chiuso da una volta a botte in canniccio intonacato, con decorazione a cassettoni realizzata a tempera.

Coperture

Copertura a due falde con struttura portante costituita capriate lignee a schema statico semplice con monaco centrale (ovvero con trave di colmo centrale e falsi puntoni laterali o terzere longitudinali in corrispondenza del presbiterio); orditura secondaria composta da arcarecci e travetti con sovrapposto assito ligneo; manto in coppi di laterizio.

Pavimenti e pavimentazioni

La pavimentazione dell’aula è realizzata in pianelle di laterizio; in prossimità del presbiterio si conservano due lastre tombali in pietra calcarea bianco-rosata. Il piano del presbiterio, rialzato con due gradini in nembro rosato, è pavimentato in quadrotte di cotto posate a corsi obliqui.

Prospetti interni

Lo spazio interno della chiesa, sobrio ed austero nell’essenzialità delle sue linee architettoniche, presenta le pareti interne intonacate e tinteggiate; i prospetti longitudinali dell’aula sono decorati con un’archeggiatura modanata a tutto sesto, cieca quella sul lato settentrionale, aperta verso la cappella della

1511 - 1511 post (origini e costruzione intero bene)

La chiesa di S. Rocco nacque come oratorio patronale della nobile famiglia Cavazzocca Mazzanti soggetto alla pieve di Palazzolo. Fu edificata dagli abitanti del luogo in seguito all’epidemia di peste che colpì il territorio veronese nel 1511. Vi risiedeva un cappellano, mantenuto dalla famiglia Cavazzocca.

1556 - 1556 (concessione fonte battesimale)

Nel 1556, in considerazione della lontananza della contrada dalla pieve di Palazzolo (ne ratione itineris, animae Parvulorum perirent), fu concessa la collocazione e l’utilizzo di un fonte battesimale che servì il borgo fino all’erezione della vicina parrocchia di S. Giorgio in Salici (1798), a cui ora S. Rocco appartiene.

Mappa

Cimiteri a VERONA

Via Montespada Sona (Vr)

Via San Vito 30 (Vr)

Piazzale Fenil Novo San Martino Buon Albergo (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Pellegrini 10 Nogara

Via Consolini 99 Costermano