Chiese in Provincia di Verona - città di : Chiesa di San Zeno Vescovo

Chiesa di San Zeno Vescovo
S. Zeno Vescovo

VERONA
Via Ceriani, 1 - San Zeno, Colognola ai Colli (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
Le prime notizie inerenti l’edificio provengono dalla visita pastorale del vescovo Barbaro del 1456. Allora la chiesa di S. Zeno era cappella soggetta alla Pieve di S. Maria in Colognola. La chiesa originaria venne demolita nel 1765 e riedificata nelle forme attuali nel 1770. L’erezione in parrocchia risale al 12 aprile del 1920. Attualmente l’edificio si presenta con facciata a capanna in stile neoclassico. Orientamento a sud-ovest. Torre campanaria addossata al fianco occidentale della... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Le prime notizie inerenti l’edificio provengono dalla visita pastorale del vescovo Barbaro del 1456. Allora la chiesa di S. Zeno era cappella soggetta alla Pieve di S. Maria in Colognola. La chiesa originaria venne demolita nel 1765 e riedificata nelle forme attuali nel 1770. L’erezione in parrocchia risale al 12 aprile del 1920. Attualmente l’edificio si presenta con facciata a capanna in stile neoclassico. Orientamento a sud-ovest. Torre campanaria addossata al fianco occidentale della chiesa. Impianto planimetrico ad unica aula rettangolare con quattro semi-cappelle laterali, presbiterio quadrangolare rialzato di due gradini concluso con abside semicircolare. I prospetti interni sono scanditi da lesene ioniche, coronati da una trabeazione modanata ed ornati con statue ed opere pittoriche. La navata è coperta da una volta a schifo unghiata in canniccio con specchiatura centrale occupata dall’affresco dell’Assunzione della Madonna realizzato dai pittori G. Miolato e F. Rigodanzo nel 1915-16; il presbiterio è chiuso da una volta a crociera decorata con angeli e cornici policrome; motivi ornamentali vegetali caratterizzano il catino absidale. La pavimentazione dell’aula è realizzata con piastrelle di cemento colorate; il piano del presbiterio è rivestito con lastre di marmo rosso Verona e marmo biancone. Copertura a due falde con strutture lignee portanti e manto in coppi di laterizio. Buone le condizioni di conservazione dell’edificio.

Pianta

La chiesa presenta un impianto planimetrico ad unica aula rettangolare ad asse maggiore longitudinale, presbiterio a pianta quadrangolare, rialzato di due gradini e articolato su tre livelli, concluso con abside semicircolare. Lungo i fianchi dell’aula si aprono quattro semi-cappelle laterali parzialmente emergenti, entro cui trovano sede gli altari minori: gli altari di S. Antonio da Padova e della Madonna Ausiliatrice, sul lato sinistro, gli altari del S. Cuore e di S. Giuseppe, sul lato opposto. Il presbiterio si apre sul lato destro verso un ambiente adibito ad aula minore per i fedeli; sul lato opposto si colloca l’antico Oratorio utilizzato come cappella feriale. L’ingresso principale, con bussola lignea interna, si apre al centro della parete di facciata; è presente un ingresso laterale lungo il fianco sinistro dell’aula; la cappellina feriale è dotata di ingresso indipendente dall’esterno. Addossata al fianco nord-occidentale del presbiterio si innalza la torre campanaria; sul lato sud-orientale dell’aula insiste il volume edilizio della casa canonica.

Facciata

Facciata a capanna in stile neoclassico. Orientamento a sud-ovest. Quattro paraste di ordine ionico incorniciano il portale d’ingresso di forma rettangolare, preceduto da una piccola scalinata e sovrastato da un timpano retto da mensolette modanate. Più in alto una finestra di forma quadrata illumina l’interno dell’edificio. Timpano lievemente aggettante.

Strutture di elevazione

Le strutture di elevazione sono realizzate in muratura portante di pietrame misto, composto da conci di pietra calcarea, tufo e mattoni di cotto legati con malta di calce. Sono presenti tiranti metallici trasversali in corrispondenza della sommità delle angolate delle pareti longitudinali della navata. I paramenti murari esterni ed interni sono intonacati e tinteggiati.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

L’ambiente dell’aula è coperto da una volta a schifo con ampia specchiatura piana rettangolare sommitale, raccordata alle pareti d’ambito mediante unghie, lunette e pennacchi sferici decorati con cornici policrome a tempera; al centro l’affresco raffigurante l’Assunzione della Madonna realizzato dai pittori G. Miolato e F. Rigodanzo nel 1915-16; delle stesse mani sono gli angeli con cartiglio che decorano la crociera che sovrasta il presbiterio; la semi-calotta sferica del catino absidale propone una decorazione a serti floreali concorrenti verso l’apice. Le strutture voltate sono realizzate in canniccio intonacato colle

1460 ante - 1460 (origini e costruzione intero bene)

La prima notizia inerente la chiesa di S. Zeno in Colognola è del 1456, anno in cui la chiesa venne visitata del vescovo Ermolao Barbaro (1453-1471). L’edificio è ricordato come cappella della pieve di S. Maria di Colognola.

1765 - 1770 (ricostruzione intero bene)

La chiesa originaria venne demolita nel 1765 e ricostruita nelle forme attuali nel 1770.

1914 - 1915 (ampliamento intero bene )

Tra 1914 e 1915 l’edificio venne ampliato con l’aggiunta di due aule a lato del presbiterio, utilizzati come cappella feriale e come sagrestia.

1920/04/12 - 1920/04/12 (erezione in parrocchia carattere generale)

L’erezione in parrocchia risale al 12 aprile del 1920, con decreto a firma del vescovo di Verona Bartolomeo Bacilieri (1900-1923).

2003 - 2003 (tinteggiatura e pulitura facciate esterno)

Risale al 2003 l’intervento di tinteggiatura delle facciate di chiesa e canonica e di pulitura delle pietre e dei tufi.

Mappa

Cimiteri a VERONA

Circonvallazione Aldo Moro Soave (Vr)

Via Cavalieri Di Vittorio Veneto Negrar (Vr)

Via Casello Sorga' (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Gardesana 126 Torri Del Benaco

Via General Cantore 115 Caprino Veronese

Via A. Pellegrini 10 Nogara