Chiese in Provincia di Verona - città di : Chiesa della Beata Vergine Maria

Chiesa della Beata Vergine Maria
Chiesa della Natività della Beata Vergine Maria

VERONA
Via I Maggio 34 - Santa Maria di Zevio, Zevio (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
La chiesa di S. Maria sorse come cappella soggetta alla pieve di Zevio. La sua esistenza è documentata con certezza a partire dal 1439. La chiesa attuale fu edificata tra il 1839 ed il 1845 in sostituzione del precedente edificio. L’erezione in parrocchia risale al 21 marzo del 1949. Esternamente l’edificio si presenta con facciata a capanna preceduta da un pronao con colonne d’ordine corinzio. Orientamento a meridione. Torre campanaria addossata al fianco orientale della chiesa. Impianto... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di S. Maria sorse come cappella soggetta alla pieve di Zevio. La sua esistenza è documentata con certezza a partire dal 1439. La chiesa attuale fu edificata tra il 1839 ed il 1845 in sostituzione del precedente edificio. L’erezione in parrocchia risale al 21 marzo del 1949. Esternamente l’edificio si presenta con facciata a capanna preceduta da un pronao con colonne d’ordine corinzio. Orientamento a meridione. Torre campanaria addossata al fianco orientale della chiesa. Impianto planimetrico ad unica aula rettangolare, con ampio presbiterio absidato a sviluppo semicircolare rialzato di due gradini; lungo i fianchi dell’aula si aprono due pseudo ambulacri laterali con altare. I prospetti interni sono scanditi da paraste d’ordine corinzio, a sostegno di un’alta trabeazione sommitale con fregio decorato, sostenuta da colonne in corrispondenza dell’apertura verso le cappelle laterali; lungo il registro superiore delle pareti si svolge un ciclo pittorico realizzato dal pittore Luigi Marai. L’aula è coperta da una volta a botte con lunette laterali con decorazioni policrome; il presbiterio è sovrastato da un catino absidale decorato a finta cassettonatura e con affresco centrale raffigurante l’”Assunzione della Madonna”. Copertura a due falde con struttura lignea portante e manto in coppi di laterizio. La pavimentazione della navata è realizza in quadrotte di marmo rosso Verona e marmo biancone; il piano del presbiterio è pavimentato con piastrelle di cemento bianche e rosse.

Pianta

La chiesa presenta un impianto planimetrico ad unica aula rettangolare con asse maggiore longitudinale, e ampio presbiterio absidato a sviluppo semicircolare rialzato di due gradini e protetto da balaustra. Lungo entrambi i fianchi dell’aula si aprono due pseudo ambulacri laterali a pianta rettangolare con altare. Sul lato destro del presbiterio si collocano il locale della sacrestia e la torre campanaria. L’ingresso principale, con bussola lignea interna, si apre al centro della parete di facciata, preceduta all’esterno da un pronao tetrastilo.

Facciata

Facciata a capanna in stile neoclassico. Orientamento a meridione. Rivestimento ad intonaco di colore arancio tenue. La precede un pronao sostenuto da otto colonne con capitelli di ordine corinzio. Al centro della parete di facciata si apre il portale d’ingresso di forma rettangolare. Più in alto, oltre il pronao, un oculo illumina il centro dell’aula. Chiude il prospetto un timpano schiacciato con oculo nel mezzo. Sul vertice sommitale campeggia una croce in ferro.

Strutture di elevazione

Le strutture portanti di elevazione sono realizzate in muratura costituita da mattoni pieni di laterizio a tessitura regolare e legati con malta di calce. I paramenti murari esterni ed interni presentano un rivestimento ad intonaco.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

L’ambiente dell’aula è coperto da una volta a botte semicircolare con lunette laterali, decorata a tempera con cornici policrome, motivi decorativi a cartiglio e medaglioni. Il presbiterio è sovrastato da un ampio catino a sviluppo semicircolare, decorato a finta cassettonatura e con un ampio medaglione centrale in cui è affrescata l’”Assunzione della Madonna”. Le strutture voltate sono realizzate in canniccio intonacato collegato ad un sistema di centinature lignee portanti.

Coperture

Copertura a due falde, con terminazione a padiglione a sviluppo semicircolare a chiusura del presbiterio, con presunta struttura portante composta da capriate lignee; orditura secondaria costituita da arcarecci e travetti con sovrapposte tavelle in cotto; manto in coppi di laterizio.

Pavimenti e pavimentazioni

La pavimentazione dell’aula è realizza in quadrotte di marmo rosso Verona e marmo biancone posate a corsi diagonali. Il piano del presbiterio, rialzato con due gradini in marmo rosso Verona, è pavimentato con piastrelle di cemento alternativamente bianche e rosse (a corsi diagonali in corrispondenza del coro).

Prosp

1439 ante - 1439 (origini carattere generale )

La chiesa di S. Maria sorse come cappella soggetta alla parrocchia di Zevio. Ignote le sue origini. E’ indicata per la prima volta in una famosa carta topografica conosciuta come “Carta dell’Almagià”, redatta nel 1439.

XVI sec. - XVI sec. (costruzione intero bene )

Nel corso del XVI sec. fu ricostruita e ampliata in forme rinascimentali.

XIX sec. - XIX sec. (restauro e consolidamento copertura)

Nel corso del XIX sec. si registrano interventi di restauro e consolidamento della copertura.

1839 - 1845 (costruzione intero bene )

L'attuale parrocchiale fu costruita tra il 1839 e il 1845 in sostituzione del preesistente edificio.

1977 - 1988 (restauro intero bene )

Tra il 1977 ed il 1988 si registrano alcuni interventi di restauro: restauro della copertura (1977), rinforzo delle murature di bordo (1983), restauro del tetto e della facciata (1987) e restauro del campanile (1988).

2009 - 2009 (restauro facciata )

Risale al 2009 l’intervento di manutenzione ordinaria della facciata della chiesa.

Mappa

Cimiteri a VERONA

Via Santa Toscana Zevio (Vr)

Via Baesse 36 Costermano (Vr)

Via Roe 1 Cerea (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Snc, Piazzale Del Cimitero Snc Verona

Via Don Minzoni 30 Caldiero

Via Raizzola Casaleone