Chiese in Provincia di Verona - città di : Chiesa di Sant'Antonio Abate

Chiesa di Sant'Antonio Abate
S. Antonio Abate

VERONA
Miega, Veronella (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
La prima notizia inerente la chiesa di S. Antonio Abate proviene da un documento notarile del 1382, anno in cui Antonio della Scala, signore di Verona, donava a Cortesia di Bonifacio di Serego, suo capitano, un vasto feudo comprendente anche il borgo di Miega. Nel 1526 è parrocchia. Tra il 1904 ed il 1906, grazie al contributo economico del barone Rossi, l’edificio fu rinnovato e ampliato con l’aggiunta di un locale ad ovest dell’aula ed il conseguente rifacimento della facciata nelle forme... Leggi tutto

Dettagli

La prima notizia inerente la chiesa di S. Antonio Abate proviene da un documento notarile del 1382, anno in cui Antonio della Scala, signore di Verona, donava a Cortesia di Bonifacio di Serego, suo capitano, un vasto feudo comprendente anche il borgo di Miega. Nel 1526 è parrocchia. Tra il 1904 ed il 1906, grazie al contributo economico del barone Rossi, l’edificio fu rinnovato e ampliato con l’aggiunta di un locale ad ovest dell’aula ed il conseguente rifacimento della facciata nelle forme attuali. Esternamente l’edificio si presenta con facciata a salienti. Orientamento a levante. Torre campanaria addossata al fianco meridionale del presbiterio. Impianto planimetrico ad unica aula rettangolare, con presbiterio rialzato di due gradini concluso con abside a sviluppo interno semiellittico; lungo i fianchi della navata due semi-cappelle laterali accolgono l’altare di S. Antonio Abate, sul lato sinistro, e l’altare della Madonna Pellegrina, sul lato opposto. Le pareti interne, intonacate e tinteggiate, sono caratterizzate nel settore centrale dei fianchi longitudinali della navata, da una partitura architettonica definita da due lesene d’ordine composito con sovrapposto tratto di trabeazione, che inquadrano l’archeggiatura modanata che accoglie l’altare minore; al centro della parete absidale è posta la pala raffigurante “Gesù Cristo tra S. Benedetto e S. Antonio Abate” (G. Resi, 1967). L’aula è coperta dalla sovrapposta struttura di copertura a due falde con capriate lignee e travature a vista; il vano dell’abside è sovrastato da una controsoffittatura piana in canniccio intonacato; manto di copertura in coppi di laterizio. La pavimentazione dell’aula è realizzata in piastrelle di cemento bianche e nere; il presbiterio è pavimentato con lastre di marmo rosso Verona.

Pianta

La chiesa presenta un impianto planimetrico ad unica ampia aula rettangolare con asse maggiore longitudinale, e presbiterio rialzato di due gradini concluso con abside emergente a sviluppo interno semiellittico (lineare verso l’esterno) e di ampiezza ridotta. Lungo i fianchi della navata, in posizione prossima al presbiterio, si aprono due semi-cappelle laterali di ridotta profondità, una su ciascun lato e fra loro prospicienti, in cui trovano sede l’altare di S. Antonio Abate, sul lato settentrionale (sinistro), e l’altare della Madonna Pellegrina, sul lato opposto. Sul fianco meridionale del presbiterio si collocano la sacrestia e la torre campanaria. L’ingresso principale, con bussola interna, si apre al centro della parete di facciata. Lungo il fianco destro della navata si insiste l’Oratorio, con fronte principale allineato alla facciata della chiesa, attualmente adibito a cappella feriale.

Facciata

Facciata a salienti. Orientamento a levante. Rivestimento ad intonaco di colore giallo. Al centro si apre il portale d’ingresso a tutto sesto. Ai suoi lati e sopra di esso due monofore allungate ed un rosone illuminano l’interno dell’edificio. Oltre il rosone è murata una epigrafe a ricordo dei lavori di ampliamento e rinnovamento eseguiti tra 1904 e 1906.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

Le strutture di elevazione sono realizzate in muratura portante di mattoni pieni in laterizio a tessitura regolare legati con malta di calce. I paramenti murari esterni ed interni sono intonacati e tinteggiati.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

Lo spazio interno della navata è coperto dalla sovrapposta struttura di copertura a due falde con capriate lignee, travature ed assito a vista. Il vano dell’abside è sovrastato da una controsoffittatura piana in canniccio intonacato.

Coperture

Copertura a due falde con struttura portante composta, in corrispondenza della navata, da quattro capriate lignee a schema statico semplice con monaco centrale; orditura secondaria costituita da arcarecci e travetti con sovrapposto assito; manto in coppi di laterizio.

Pavimenti e pavimentazioni

La pavimentazione dell’aula è realizzata in piastrelle

1382 ante - 1382 (origini carattere generale )

La prima notizia inerente la chiesa di S. Antonio Abate proviene da un atto notarile del 1382, anno in cui Antonio della Scala, Signore di Verona, donò a Cortesia di Bonifacio di Serego, suo Capitano, un vasto feudo comprendente anche il borgo di Miega (“terra arratoria in dicta villa, de una parte versus mane Suprasonis, et petia terrae in parte, et in parte coemeterium Ecclesiae dictae terrae”).

1526 ante - 1526 (erezione in parrocchia carattere generale )

Nel 1526, anno della visita dei delegati del vescovo di Verona Gian Matteo Giberti (1524-1543) Miega è definita chiesa parrocchiale.

1533 - 1535 (ampliamento intero bene )

Tra il 1533 ed il 1535 si registrano lavori di rinnovamento tra i quali si annovera la costruzione della sagrestia.

1888 - 1888 (passaggio di proprietà carattere generale )

Nel 1888 proprietà e juspatronato passarono dai conti Serego-Alighieri al barone Giovanni Rossi di Schio.

1904 - 1906 (ampliamento e rinnovamento intero bene )

Tra 1904 e 1906, grazie al contributo economico del barone Rossi, l’edificio fu rinnovato e ampliato con l’aggiunta di un locale ad ovest dell’aula ed il conseguente rifacimento della facciata nelle forme attuali.

1950 - 1950 (erezione campanile )

Nel 1950 fu innalzata la torre campanaria (in sostituzione di una preesistente con copertura a guglia in laterizio, risalente alla fine del XVI o ai primi anni del XVII sec.).

1998 - 2005 (restauro intero bene )

Tra 1998 e 2005 si registrano alcuni interventi: manutenzione della copertura (1998) e restauro interno ed esterno (2005).

Mappa

Cimiteri a VERONA

Via Ugo Foscolo Nogarole Rocca (Vr)

Viale Dei Cipressi 1 Villafranca Di Verona (Vr)

Via Arzaron Villa Bartolomea (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Due Porte 27 Pastrengo

Via Del Donatore 16 Castelnuovo Del Garda

Via Carlo Alberto, 22 37057 San Giovanni Lupatoto