Chiese in Provincia di Verona - città di Angiari: Chiesa di San Michele Arcangelo

Chiesa di San Michele Arcangelo
S. Michele Arcangelo

VERONA / ANGIARI
Angiari (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
L’attuale chiesa parrocchiale di S. Michele in Angiari fu edificata tra il 1753 ed il 1772 in sostituzione della antica pieve (documentata a partire dal 1145), abbandonate e successivamente demolita. Risale al 1842 l’erezione della torre campanaria. Esternamente l’edificio si presenta con facciata a oriente. Torre campanaria addossata al fianco settentrionale dell’oratorio. Impianto planimetrico ad unica aula rettangolare con pesudo-transetto, e presbiterio quadrangolare rialzato di due... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

L’attuale chiesa parrocchiale di S. Michele in Angiari fu edificata tra il 1753 ed il 1772 in sostituzione della antica pieve (documentata a partire dal 1145), abbandonate e successivamente demolita. Risale al 1842 l’erezione della torre campanaria. Esternamente l’edificio si presenta con facciata a oriente. Torre campanaria addossata al fianco settentrionale dell’oratorio. Impianto planimetrico ad unica aula rettangolare con pesudo-transetto, e presbiterio quadrangolare rialzato di due gradini concluso con il coro semicircolare; lungo i fianchi dell’aula si aprono quattro semi-cappelle laterali in cui trovano sede gli altari della Madonna della cintura e della Madonna del Rosario, sul lato meridionale, e gli altari di S. Giuseppe e del S. Cuore, sul lato opposto. I prospetti interni sono ritmati da lesene con capitelli d’ordine composito, su cui si imposta l’alta cornice modanata sommitale; le pareti sono ornate con una ricca ed articolata decorazione pittorica, realizzata ad inizio Novecento dai fratelli Trentini, con motivi ornamentali floreali, festoni e finte modanature in stucco. La navata è coperta da una maestosa volta a botte con unghie laterali e crociera in corrispondenza del transetto; il presbiterio è sovrastato da una volta a botte unghiata; un catino absidale a tre vele chiude il coro; le strutture voltate sono decorate con un elegante apparato decorativo a tempera. Copertura a due falde con capriate e travature lignee portanti; manto in coppi di laterizio. La pavimentazione della navata è realizzata in quadrotte di marmo rosso Verona e marmo biancone; il piano del presbiterio è caratterizzato da un disegno geometrico in marmi policromi.

Pianta

La chiesa presenta un impianto planimetrico ad unica ampia aula rettangolare con asse maggiore longitudinale, presbiterio quadrangolare rialzato di due gradini, di ampiezza ridotta e concluso con il coro a sviluppo semicircolare. Lungo i fianchi dell’aula si aprono sei semi-cappelle laterali, tre su ciascun lato e fra loro prospicienti, di cui quelle prossime al presbiterio, corrispondenti ai vestiboli degli ingressi laterali a cui sono sovrapposte le cantorie con gli organi, si configurano volumetricamente e spazialmente come i bracci di uno pseudo-transetto di ridotta profondità. Nelle cappelle trovano sede gli altari della Madonna della cintura e della Madonna del Rosario, sul lato meridionale, e gli altari di S. Giuseppe (o del Corpus Domini) e del S. Cuore, sul lato opposto. Sul fianco settentrionale del presbiterio insiste l’Oratorio dedicato alla Madonna Immacolata e a S. Luigi Gonzaga; sul lato opposto si colloca il locale della sacrestia. L’ingresso principale, con bussola lignea interna, si apre al centro della parete di facciata, verso il modesto sagrato antistante, preceduto da una breve scalinata esterna. La torre campanaria si eleva a breve distanza dal fianco settentrionale della chiesa, a cui risulta collegata mediante un corpo edilizio che funge al contempo da atrio di ingresso per l’Oratorio.

Facciata

Facciata a capanna. Al centro si apre il portale d’ingresso timpanato. Più in alto una ampia bifora illumina l’interno dell’edificio. Chiude il prospetto il timpano aggettante. Sul fastigio campeggia una croce in ferro infissa in un supporto litico. Sui vertici laterali sono collocate due urne acroteriali.

Strutture di elevazione

Le strutture di elevazione sono realizzate in muratura portante in mattoni pieni di laterizio legati con malta di calce e con tessitura regolare. I paramenti murari esterni ed interni sono intonacati e tinteggiati.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

La navata è coperta da un’ampia e maestosa volta a botte a tutto sesto, con unghie laterali e crociera in corrispondenza del transetto. Il presbiterio è sovrastato da una volta a botte unghiata; un catino absidale a tre vele scandite da costolonature chiude il coro. Le strutture voltate sono realizzate in canniccio intonacato, collegato ad un sistema di cent

1753 - 1772 (origini e costruzione intero bene)

La attuale chiesa parrocchiale di S. Michele in Angiari fu edificata tra il 1753 ed il 1772 in sostituzione della antica pieve (documentata a partire dal 1145), abbandonate e successivamente demolita.

1772/10/02 - 1772/10/02 (consacrazione carattere generale)

Il nuovo edificio fu consacrato in data 2 ottobre 1772 dal vescovo di Verona Nicolò Giustiniani (1759-1772).

1842 - 1842 (erezione campanile)

Risale al 1842 la costruzione dell'attuale torre campanaria.

2000 - 2000 (tinteggiatura facciata )

Risale al 2000 la tinteggiatura della facciata.

Mappa

Cimiteri a VERONA

Via Cantona Ronco All'adige (Vr)

Via Dei Cipressi 1 Malcesine (Vr)

Via San Vito 30 (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Predicale 64 Cologna Veneta

Via A. Meucci 6 Caldiero