Chiese in Provincia di Verona - città di Fumane: Santuario della Madonna della Salette

Santuario della Madonna della Salette

VERONA / FUMANE
Via Santuario - Fumane (VR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: santuario
Il Santuario venne edificiato nel 1860 su uno sperone roccioso, chiamato Colle Incisa, sopra l'abitato di Fumane, al fine di scongiurare una epidemia di peronospora che stava minacciando le produzione vinicola della zona. Da allora è meta di pellegrinazioni mariane. Esternamente presenta una facciata originale, frutto della commistione tra elementi neogotici e neoromanici. L'interno ha pianta centrale, ottagonale, con cupola e piccola abside rettangolare. A fianco della chiesa si trova una... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Il Santuario venne edificiato nel 1860 su uno sperone roccioso, chiamato Colle Incisa, sopra l'abitato di Fumane, al fine di scongiurare una epidemia di peronospora che stava minacciando le produzione vinicola della zona. Da allora è meta di pellegrinazioni mariane. Esternamente presenta una facciata originale, frutto della commistione tra elementi neogotici e neoromanici. L'interno ha pianta centrale, ottagonale, con cupola e piccola abside rettangolare. A fianco della chiesa si trova una grotta con le suggestive statue della Madonna piangente e i due giovani pastorelli. Il Santuario è raggiungibile sia in macchina che a piedi tramite un sentierino che partendo da Fumane si inerpica sul monte.

Pianta

Impianto spaziale centrale definito da un’aula a pianta ottagonale; l’asse maggiore è segnato dal vano rettangolare del presbiterio, rialzato di un gradino, a cui si affiancano due ambienti, di cui quello sul lato destro adibito a sacrestia, mentre quello sul lato opposto si apre verso l’aula con un’apertura semicircolare. L’ingresso principale è preceduto all’esterno da una scalinata. Sul fianco orientale si addossa l’antico eremo, con sviluppo planimetrico ortogonale all’asse maggiore della chiesa. La torre campanaria si eleva sul fianco occidentale della chiesa, in parte inglobata nella struttura muraria dell’edificio.

Facciata

Facciata a capanna, dalle forme goticizzanti, rivolta a sud-est. Cinque gradoni conducono al portale d'ingresso rettangolare sormontatato da una lunetta. Più in alto è inserito nella muratura un rosone cieco di ispirazione romanica. Ai lati del portale due contrafforti in c.l.s. terminanti oltre il prospetto con due pinnacoli goticheggianti. Il frontone è costituito da un triangolo equilatero, nel cui timpano sono inseriti cinque archetti pensili a tutto sesto. Sul vertice sommitale campeggia una croce ferrea infissa in un pinnacolo uguale ai due laterali, ma dalle dimensioni maggiori.

Strutture di elevazione

Le strutture di elevazione sono realizzate in muratura portante di conci di pietra calcarea locale, con probabile utilizzo di materiale proveniente dallo scavo/sbancamento della parete rocciosa a cui l’edificio risulta addossato sul fianco settentrionale. I paramenti esterni ed interni presentano un rivestimento ad intonaco.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

L’ambiente dell’aula è coperto da una cupola ribassata a pianta ottagonale, suddivisa in otto spicchi che si raccordato ad una riquadratura ottagonale sommitale; le vele sono decorate con un motivo a reticolo in trompe-l’oeil. Il vano presbiterale è coperto da una volticciola a padiglione a tre vele che si raccordano alle pareti d’ambito, riquadrature con decorazioni a tempera. Le strutture voltate sono realizzate in canniccio intonaco collegato ad una centinatura lignea.

Coperture

Copertura a padiglione con struttura portante costituta da travature lignee; manto di copertura in coppi di laterizio.

Pavimenti e pavimentazioni

La pavimentazione dell’aula, realizzata con scaglie di pezzatura media di pietra bianca e puntuali elementi in breccia nera striata con posa “alla Palladiana”, è attraversata da due fasce ortogonali in marmi policromi con posa a taglio speculare. Una bordatura in marmo verde alpi percorre perimetralmente la superficie. Il presbiterio è pavimentato con piastrelle in marmo botticino.

Prospetti interni

L’ambiente ottagonale dell’aula, caratterizzato da una composizione architettonica regolare ed armonica, presenta i prospetti interni scanditi nelle angolate da semplici lesene, su cui si imposta la cornice sommitale modanata e decorata. Nelle due campate che fiancheggiano l’ingresso principale si aprono due monofore con profilo superiore semicircolare; due nicchie con statue occupano le campate laterali all’arco trionfale che introduce il presbiterio. Il piccolo vano del presbiterio è definito nelle angolate da lesene piegate a libro che si raccordano alla cornice sommitale; nella

1859 - 1860 (origini, costruzione e consacrazione intero bene)

Nel 1859 il paese di Fumane era minacciato da un'epidemia di peronospora che distruggeva i vigneti, una delle maggiori risorse economiche della zona. Era a Fumane in quell'anno il cappuccino padre Angelo d'Alessandria, di ritorno dal santuario de La Salette nei pressi di Grenoble, dove la Madonna era da poco apparsa a due pastorelli, Massimino e Melania. Per debellare il male egli propose dunque la costruzione di un santuario dedicato alla Madonna de la Salette sul colle Incisa, che domina l'abitato di Fumane. La proposta fu accettata e nel giro di un anno l'edificio di culto era completato (1860). La consacrazione avvenne il 30 settembre dello stesso anno. A fianco della chiesa si trova una grotta con le suggestive statue della Madonna piangente e i due giovani pastorelli.

Mappa

Cimiteri a VERONA

Via Santa Toscana Zevio (Vr)

Via Della Rimembranza Oppeano (Vr)

Via Dei Cipressi 1 Malcesine (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Fratelli Stevani, 61 37059 Zevio

Via Rodi 26/A Verona

Via I Maggio 13 Mozzecane