Chiese in Provincia di Verona - città di Verona Città: Chiesa di San Giovanni in Foro

Chiesa di San Giovanni in Foro
S. Giovanni in Foro

VERONA / VERONA città
Vicolo San Giovanni in foro 1 - Verona (VR) VERONA città
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
La chiesa di S. Giovanni in Foro ha origini molto antiche. La prima citazione proviene da un atto datato 959 ma è probabile che le sue origini siano paleocristiane. Era chiesa collegiata. Nel 1172 fu danneggiata dall'incendio che colpì Verona. Fu ricostruite nelle forme romaniche attuali sul finire del XII sec. Attualmente è rettoria soggetta alla parrocchia di S. Eufemia. L'edificio è privo di facciata, inglobato nelle adiacenti costruzioni che lo cingono su tre lati. Torre campanaria... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni in Foro ha origini molto antiche. La prima citazione proviene da un atto datato 959 ma è probabile che le sue origini siano paleocristiane. Era chiesa collegiata. Nel 1172 fu danneggiata dall'incendio che colpì Verona. Fu ricostruite nelle forme romaniche attuali sul finire del XII sec. Attualmente è rettoria soggetta alla parrocchia di S. Eufemia. L'edificio è privo di facciata, inglobato nelle adiacenti costruzioni che lo cingono su tre lati. Torre campanaria addossata al fianco settentrionale della chiesa. Impianto planimetrico ad unica aula rettangolare preceduta da un vestibolo d’ingresso, e con presbiterio rialzato di un gradino concluso con abside emergente quadrangolare; lungo il fianco sinistro dell’aula si aprono due cappelle laterali, ospitanti l’altare di S. Teresa di Lisieux e l’altare della Madonna. Le pareti interne dell’aula si presentano con tessitura muraria a vista, caratterizzati dall’alternanza cromatica degli elementi costituenti; un colonnato in marmo rosso Verona separa l’atrio d’ingresso dall’aula; al centro della parete di fondo dell’abside è posta la pala d’altare raffigurante l’Addolorata, S. Giovanni, S. Domenico, S. Francesco di Paola e S. Francesco d’Assisi dipinti ai lati di un crocifisso ligneo; le restanti pareti dell’abside sono decorate a fresco con pitture murali del pittore Gaetano Miolato. La navata è coperta dalla sovrapposta struttura di copertura a due falde con travature e capriate lignee a vista; manto in coppi di laterizio. La pavimentazione dell’aula, disegnata nella prima metà del ‘900 dall’architetto Ettore Fagiuoli, è realizzata a mosaico a sfondo bianco con figure simboliche policrome di richiamo paleocristiano.

Pianta

La chiesa presenta un impianto planimetrico ad unica aula rettangolare con asse maggiore longitudinale, preceduta da un atrio d’ingresso da cui è separata con un colonnato; il presbiterio, rialzato di un gradino, è concluso con una modesta abside quadrangolare emergente, sopraelevata di un ulteriore gradino. Lungo il fianco sinistro dell’aula si aprono due cappelle laterali, ospitanti rispettivamente l’altare di S. Teresa di Lisieux e l’altare della Madonna; sullo stesso lato, in corrispondenza del vestibolo d’ingresso, avviene l’accesso ad un’area archeologica. La torre campanaria si eleva addossata al fianco sinistro del presbiterio. L’ingresso principale si apre all’estremità sinistra del fianco sud-orientale dell’aula.

Facciata

L'edificio è privo di facciata, inglobato nelle adiacenti costruzioni che lo cingono su tre lati. Vi si accede tramite un portale rinascimentale. Sull'architrave dello stesso si legge la seguente iscrizione: "BENEDICTVS RIZIONIVS SCRIPTOR APOSTOLICVS / TEMPIVS HVIVS PRAELATUS FECIT".

Strutture di elevazione

Le strutture di elevazione sono realizzate in muratura portante di pietrame misto legato con malta di calce, composto da corsi in blocchi squadrati di tufo, alternati a filari regolari in mattoni pieni di laterizio (esterno), ovvero a corsi listati in ciottoli posati a “spina di pesce” (interno). I paramenti murari esterni ed interni sono privi di intonacatura.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

Lo spazio interno della navata è coperto dalla sovrapposta struttura di copertura a due falde con travature e capriate lignee a vista. L’ambiente d’ingresso è chiuso da un solaio ligneo a cassettoni con decorazione pittorica policroma. Il vano dell’abside è sovrastato da una volta a crociera ribassata.

Coperture

Copertura a due falde con struttura portante composta, in corrispondenza della navata, da cinque capriate lignee a schema statico semplice con monaco centrale e saette di controventatura, poggianti su mensole in legno e dormienti in pietra in corrispondenza dell’innesto nelle murature; orditura secondaria costituita da arcarecci e travetti con sovrapposte tavelle in cotto; manto in coppi di laterizio.

Pavimenti e pavimentazioni

La pavimentazione dell’aula e del presbit

959 ante - 959 (origini e costruzione carattere generale )

San Giovanni in Foro deve il suo nome alla vicinanza con l’antico “forum” romano. La prima citazione proviene da un atto datato 959.

XII sec. - XII sec. (notizie dal XII sec. carattere generale )

Da un documento conservato presso l’Archivio dei Canonici della Cattedrale di Verona datato 1141 si evince che era una chiesa collegiata. Un trittico datato 1172, murato sul muro esterno dell’edificio, ricorda che in quell’anno la città, e probabilmente anche la chiesa, fu devastata da un incendio (“A – DOMINI MCLXXII combusta est civica Verone”).

XII sec. - XII sec (ricostruzione intero bene )

La costruzione nelle forme romaniche attuali avvenne nel XII sec., probabilmente in seguito alle devastazioni provocate dall’incendio del 1172.

XIV sec. - XIV sec. (decorazione ad affresco interno )

Sul finire del XIV sec. l'interno fu impreziosito da decorazioni ad affresco, alcune delle quali giunte fino a noi. Tra queste si ricordano, a sinistra del presbiterio, una "Madonna del Latte", un "S. Giovanni Battista" ed un "S. Giovanni Evangelista".

XVII sec. - XVII sec. (rinnovamento intero bene )

Sul finire del XVII sec. le finestre furono allungate e l’originale abside a sviluppo semicircolare fu demolita e sostituita dall’attuale di forma rettangolare

1932 - 1932 (posa pavimento )

L’attuale pavimentazione fu realizzata su disegno dell’arch. Ettore Fagiuoli nel 1932.

2000 - 2003 (restauro intero bene )

Tra il 2000 ed il 2003 si registrano alcuni interventi sull'edificio: restauro del campanile (2000) e restauro delle facciate esterne (2003).

Mappa

Cimiteri a VERONA

Strada Provinciale 10 Tregnago (Vr)

Piazzale Fenil Novo San Martino Buon Albergo (Vr)

Via Dei Cipressi 1 Malcesine (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Via Belfiore 2 Verona

Via Mameli, 134/C Verona

Viale Caduti Senza Croce 1 Verona