Chiese in Provincia di Verona - città di Verona Città: Chiesa della Madonna della Fraternità

Chiesa della Madonna della Fraternità
Chiesa di Madonna della Fraternità

VERONA / VERONA città
Via Ombrone, 8 - Verona (VR) VERONA città
Culto: Cattolico
Diocesi: Verona
Tipologia: chiesa
In data 8 ottobre 1973, smembrandone il territorio dalle parrocchie di S. Lucia alle Golosine, S. Zeno alla ZAI e S. Giovanni Evangelista all’I.N.A., venne eretta la vicaria indipendente della Madonna della Fraternità, che in data 25 dicembre fu eretta in parrocchia su decreto del vescovo di Verona Giuseppe Carraro (1958-1978). La chiesa venne edificata in due stralci per difficoltà di carattere economico. Tra il 1988 ed il 1989 vennero costruiti i locali interrati, la cripta e l’aula... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

In data 8 ottobre 1973, smembrandone il territorio dalle parrocchie di S. Lucia alle Golosine, S. Zeno alla ZAI e S. Giovanni Evangelista all’I.N.A., venne eretta la vicaria indipendente della Madonna della Fraternità, che in data 25 dicembre fu eretta in parrocchia su decreto del vescovo di Verona Giuseppe Carraro (1958-1978). La chiesa venne edificata in due stralci per difficoltà di carattere economico. Tra il 1988 ed il 1989 vennero costruiti i locali interrati, la cripta e l’aula soprastante, mentre tra 2006 e 2008 si completò l’interno con la posa della pavimentazione, dei rivestimenti e delle decorazioni. La consacrazione risale al 2 giugno del 2012. Esternamente l’edificio si presenta con facciata contemporanea rivolta a nord-est. Impianto planimetrico ad unica aula a “ventaglio” di ampiezza progressivamente ridotta verso il presbiterio, rialzato di un gradino e concluso con una parete semicircolare. L’interno della chiesa è caratterizzato da un impianto spaziale che fa del presbiterio l’elemento focale della composizione da cui sembra irradiarsi la geometria del progetto, sottolineato dal progressivo innalzamento della struttura di copertura segnata da robuste travature in cemento armato a vista, e dall’intenso ciclo pittorico della scuola del pittore Kiko Arguello. La pavimentazione è realizzata in lastre di marmo rosso Verona e nembro rosato; il piano del presbiterio è pavimentato in marmo bianco di Carrara.

Pianta

La chiesa presenta un impianto planimetrico ad unica aula a “ventaglio” di ampiezza progressivamente ridotta verso l’area presbiteriale, rialzata di un gradino e conclusa con una parete semicircolare; sul lato sinistro del presbiterio si apre la cappellina del Santissimo, sul lato opposto è presente l’accesso al locale della sacrestia; lungo la parete curvilinea di facciata si svolge un corridoio separato dall’aula dai pilastri portanti la struttura di copertura; oltre la parete absidale si colloca la cappella feriale. L’ingresso principale, con atrio coperto esterno, si apre all’estremità destra della parete di facciata; lungo la stessa parete sono presenti due ulteriori entrate, all’estremità opposta e in posizione centrale. La chiesa si colloca al piano rialzato di un complesso edilizio che ospita al piano inferiore alcuni locali di servizio alla Parrocchia, tra cui la cripta utilizzata per le celebrazione prima del completamento della chiesa attuale.

Facciata

Composizione a corpi volumetrici orizzontali convergenti sull’ingresso accentuati dalla texture del paramento lapideo in pietra calcarea veronese a corsi alternati di diversa finitura; varie coperture a falde semplici in struttura metallica e rame aiutano la percezione degli ingressi che si articolano su un piano elevato dalla quota del suolo dove il volume del tempio si coloca.

Strutture di elevazione

Le strutture di elevazione sono costituite da un’intelaiatura portante in cemento armato, con pareti di tamponamento realizzate in laterizio; pilastri in cemento armato sostengono le travature della struttura di copertura. I paramenti murari esterni presentano un rivestimento ad intonaco segnato da sottili fasce orizzontali in marmo nembro rosato; le pareti interne sono intonacate e tinteggiate.

Strutture di orizzontamento e/o voltate

L’aula è coperta dalla sovrapposta struttura di copertura in latero-cemento, ad unica falda “a ventaglio” progressivamente ascendente verso il presbiterio, con travature portanti in cemento armato a vista disposte radialmente; il settore destro del corridoio periferico è coperto da un lucernario.

Coperture

Copertura ad unica falda inclinata “a ventaglio”, progressivamente ascendente verso il presbiterio, con soletta in latero-cemento sostenuta da travature in cemento armato a vista disposte radialmente a partire dalla parete di fondo del presbiterio e poggianti all’estremità opposta su pilastri in cemento armato a sezione circolare; il solaio di copertura si presenta intonacato e tinteggi

1973/10/08 - 1973/12/25 (erezione in vicaria indipendente ed in parrocchia carattere generale)

In data 8 ottobre 1973, smembrandone il territorio dalle parrocchie di S. Lucia alle Golosine, S. Zeno alla ZAI e S. Giovanni Evangelista all’I.N.A., venne eretta la vicaria indipendente della Madonna della Fraternità, che in data 25 dicembre fu eretta in parrocchia su decreto del vescovo di Verona Giuseppe Carraro (1958-1978).

1988 - 2008 (origini e costruzione intero bene)

La chiesa della Madonna della Fraternità venne edificata in due stralci per difficoltà di carattere economico. Tra il 1988 ed il 1989 vennero costruiti i locali interrati, la cripta e l’aula soprastante, mentre tra 2006 e 2008 si completò l’interno con la posa della pavimentazione, dei rivestimenti e delle decorazioni. Tra 1973 al 1982 i fedeli della zona utilizzarono alcune cappelle situate nelle vicinanze (presso l’Istituto San Giovanni Calabria di Via Roveggia e presso la cappella di via Chioda soggetta alla parrocchiale di S. Lucia) Dal 1981 al 1990 fu adibito a luogo di culto un prefabbricato precario proveniente da un centro sfollati del Friuli, mentre dal 1990 al 2008 fu utilizzata la cripta interrata.

2012/06/02 - 2012/06/02 (consacrazione carattere generale)

L’edificio fu consacrato in data 2 giugno 2012 dal vescovo di Verona Giuseppe Zenti (2007-).

Mappa

Cimiteri a VERONA

Via Roe 1 Cerea (Vr)

Via Arzaron Villa Bartolomea (Vr)

Strada Provinciale 10 Tregnago (Vr)

Onoranze funebri a VERONA

Piazza Zara 7/C Verona

Via Olive' 32/C Verona

Via Rodi 26/A Verona