Chiese in Provincia di Cremona - città di Cremona Città: Chiesa di San Sigismondo

Chiesa di San Sigismondo
S. Sigismondo

CREMONA / CREMONA città
Largo Bianca Maria Visconti - Cremona (CR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Cremona
Tipologia: chiesa
La facciata della chiesa è tripartita mediante lesene che evidenziano la larghezza dell’aula e delle cappelle laterali. Le parti laterali sono concluse da cornici inclinate mentre quella centrale è sormontata da un timpano triangolare con cornicioni in cotto e mensoloni. Il portale d'ingresso marmoreo mostra volute e semicolonne. Cinque pinnacoli in terracotta a due piani completano la facciata dotata di grande rosone nel registro superiore. All'interno, il transetto è allineato ai muri... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La facciata della chiesa è tripartita mediante lesene che evidenziano la larghezza dell’aula e delle cappelle laterali. Le parti laterali sono concluse da cornici inclinate mentre quella centrale è sormontata da un timpano triangolare con cornicioni in cotto e mensoloni. Il portale d'ingresso marmoreo mostra volute e semicolonne. Cinque pinnacoli in terracotta a due piani completano la facciata dotata di grande rosone nel registro superiore. All'interno, il transetto è allineato ai muri perimetrali e accanto alla navata si trovano sei cappelle laterali per lato, tutte comunicanti tra di loro e delimitate da una imponente cancellata. Prima dell'inizio della zona presbiteriale, che appare piuttosto sviluppata dal punto di vista volumetrico, si apre un imponente tiburio terminate con una cupola decorata.

Pianta

La struttura dell'edificio è semplice: la pianta è longitudinale e a croce latina, con transetto allineato ai muri perimetrali. La navata è illuminata semplicemente dalla luce proveniente dai larghi oculi ricavati nella parte superiore dei muri laterali. Accanto si trovano sei cappelle per lato, tutte comunicanti tra di loro e delimitate da una imponente cancellata. Questa si ritrova anche a ridosso della zona presbiteriale e absidale e viene utilizzata regolarmente a causa della clausura delle monache.

Struttura

Dall'esterno la chiesa si presenta come un blocco compatto di masse, rimarcate dai forti aggetti dei contrafforti angolari e coronate da un tiburio, che fa assomigliare la struttura più ad una rocca che ad un edificio di culto. Proprio il tiburio si trova alla base della maestosa cupola interna decorata nel 1570 da Bernardino Campi. Da qui si sviluppa verso ovest la navata centrale suddivisa in tre campate delimitate ai lati da due serie di sei cappelle rettangolari comunicanti tra di loro. La zona presbiteriale è sormontata da un arco decorato e termina con un’abside poligonale. Il transetto, non sporgente, ospita il coro ligneo intarsiato terminato nel 1603, opera della famiglia Capra. Anche l’ organo è collocato all’interno del transetto, al livello superiore della cimasa del coro di sinistra, mentre dalla parte opposta si trova la cantoria dell’orchestra.

Pavimenti e pavimentazioni

I pavimenti sono in cotto variegato ottocentesco nell’aula. Nello spazio tra i due cori la pavimentazione è ancora una volta in cotto, ma risalente al secolo scorso. Nel presbiterio sono presenti varie tipologie di marmo. Nella cappelle laterali è visibile un seminato alla veneziana.

Coperture

Le cappelle laterali, assai più basse dell’aula, sono coperte con unica falda inclinata, interrotta da alti contrafforti che contrastano il fianco dell’aula. Le coperture sono tutte a falde con manto in tegole a canale in cotto.

Elementi decorativi

L’apparato decorativo più significativo della chiesa è costituito da una serie di affreschi cinquecenteschi realizzati dai più importanti artisti cremonesi di quel periodo. Il complesso pittorico viene realizzato dal 1535 partendo dalla zona absidale e dal presbiterio, dove Camillo Boccaccino esegue rispettivamente “Cristo in gloria con gli evangelisti”, "La risurrezione di Lazzaro" e "Cristo con l'adultera". L’anno successivo viene incaricato Giulio Campi della realizzazione della decorazione del transetto e della pala dell’altare maggiore, raffigurante i committenti Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza in adorazione della Vergine. Le campate della navata sono state affrescate da Domenico de Siccis, da Bernardino Gatti e da Giulio Campi. Nel 1570 Bernardino Campi, cugino di Giulio, dipinge la cupola con la scena del “Paradiso”. Nelle cappelle laterali sono visibili altri importanti dipinti come, ad esempio, “S. Caterina e S. Cecilia” di Bernardino Campi e “S. Giovanni Battista decollato” di Antonio Campi.

XII - XII (preesistenze intero bene)

Prima dell'esistenza della Chiesa di S. Sigismondo è documentata la presenza di un primitivo edificio di culto dedicato a S. Maria e agli apostoli Filippo e Giacomo. Il 25 ottobre 1441 si sposano in questa piccola chiesa Bianca Maria Visconti, erede del Ducato di Milano, e Francesco Sforza.

1461 - 1461 (committenza intero bene)

Bianca Maria Visconti ottiene la sostituzione della comunità vallombrosiana, fino a quel momento a capo della chiesa, con i monaci gerolomini e decide che venga eretto un nuovo edificio a ricordo del suo matrimonio, celebrato venti anni prima. Secondo la fonti bibliografiche, l'architetto Bartolomeo Gadio viene incaricato della costruzione della nuova chiesa.

1463 - 1463 (fondazione intero bene)

Il 20 giugno 1463 viene posta solennemente la prima pietra di fondazione, tuttora visibile dietro l'altare maggiore. Dopo questa data, i lavori proseguono molto lentamente a causa della morte di Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti.

1492 - 1492 (inizio lavori facciata)

Due ampolle di vetro e un grosso mattone, visibili nella prima cappella a destra e rinvenuti nel 1963, mostrano la data 31 agosto 1492. Questa va intesa come l'inizio dell'erigenda facciata e le due ampolle, contenenti vino e olio, come un beneaugurante gesto per l'impresa appena cominciata.

1535 - 1570 (completamento intero bene)

All'interno della chiesa iniziano a lavorare i migliori artisti cremonesi per portare a compimento la decorazione dell'abside, del presbiterio, del transetto, delle tre campate della navata centrale, della cupola e di alcune cappelle laterali. Viene documentata in questo periodo la presenza di: Camillo Boccaccino (1504-1546), Giulio Campi (1505-1573), Domenico de Siccis, Bernardino Gatti (1495-1576), Antonio Campi (1524-1587), Vincenzo Campi (1536-1591) e Bernardino Campi (1522-1591).

1578 - 1578 (inizio lavori portale d'ingresso)

In questo anno viene scolpito il portale d'ingresso ad opera di Sebastiano Nani (?-1578) su disegno dell'architetto Giuseppe Dattaro (1540-1619).

1998 - 1998 (restauro coperture)

Vengono sottoposte a restauro le coperture per salvare gli affreschi delle volte dalla percolazione delle acque.

2003 - 2003 (restauro navata)

Le volte affrescate della navata vengono restaurate con fondi ministeriali.

2005 - 2005 (restauro abside)

Con fondi ministeriali viene restaurata l'abside affrescata da Camillo Boccaccino.

2005 - 2005 (restauro monastero)

Poiché lo spazio del monastero era abbandonato da diverse decine di anni, in previsione dell'arrivo delle suore domenicane di clausura, viene restaurato con fondi diocesani.

2006 - 2007 (passaggio di proprietà intero bene)

La Parrocchia di S. Sigismondo viene soppressa ed il complesso diventa di proprietà diocesana. Viene insediata la comunità delle suore di clausura domenicane, provenienti da Fontanellato (PR), che rimangono proprietarie, ma in diritto di superficie per trenta anni del solo monastero annesso alla chiesa; questa, non essendo più parrocchiale, è passata come proprietà alla Diocesi, rimanendo nel territorio della Parrocchia della B.V. di Caravaggio.

2014 - 2014 (restauro campanile)

Con fondi parziali della C.E.I. viene affrontato il problema del campanile, il cui restauro verrà completato nel corso dell'anno.

Mappa

Cimiteri a CREMONA

Via Bissolate (Cr)

Via G D'andria Chieve (Cr)

Via Redezza Ostiano (Cr)

Onoranze funebri a CREMONA

Viale Trento Trieste 71 Cremona Città

Via Giuseppina 123 Cremona Città

Via Giuseppina 15 Cremona Città