• Home
  •  > Notizie
  •  > E' morto Marinelli, politico e uomo dell'acqua

E' morto Marinelli, politico e uomo dell'acqua

Si è spento a 85 anni.  E' stato vicesindaco e vice segretario provinciale dello Sdi

QUISTELLO. Un socialista d’altri tempi, rimasto sempre dove i socialisti dovevano essere: nel centrosinistra. A questo, alla coerenza, teneva molto Raffaele Marinelli, scomparso a 85 anni. La sua carriera politica ha avuto un prima e un dopo. Tra gli anni 70 e 80 è stato uno della figure di spicco del Psi quistellese.

È stato più volte consigliere comunale e anche vice sindaco e assessore. È stato anche commissario dell’Ussl 48 nel periodo caldo della chiusura dei quattro ospedali del destra secchia con l’idea di accorparli in uno unico.

Dopo la deflagrazione dei grandi partiti di massa e, soprattutto, dopo lo scioglimento del Psi craxiano, messa da parte la politica a Quistello ha contributo al rinascimento del socialismo a livello provinciale partecipando alla costituzione dei vari partiti che si sono succeduti, e cioè Si, Sdi e ancora Psi.

Con Ilario Chiaventi aveva condiviso i momenti faticosi della ricostituzione del partito e della sua credibilità all’interno del centro sinistra. Dal 1998 ha fatto parte ininterrottamente nei vari direttivi; nel 2004 è stato eletto vice segretario provinciale dello Sdi.

Ed è stato fedele collaboratore dei segretari che si sono succeduti, da Chiaventi a Rebuschi, da Broglia a Chiodarelli, l’attuale guida dei socialisti che così lo ricorda: «Era una persona squisita, molto gentile, un vero signore. E soprattutto, in politica era coerente. È sempre stato con noi con la collocazione storica da autonomista, dimostrando grande generosità».

Nella vita di tutti i giorni era un pensionato, per anni capotecnico del Magistrato per il Po. Per lui il Grande Fiume e la Secchia, con i loro argini e golene, non avevano segreti. E quando c’erano le piene era sempre il primo ad accorrere e l’ultimo ad andarsene.

Pubblicato su Gazzetta di Mantova