• Home
  •  > Notizie
  •  > Troppe le vite spezzate da Covid 19: cerimonia per ricordare le vittime

Troppe le vite spezzate da Covid 19: cerimonia per ricordare le vittime

La celebrazione sulla Riva della Madonna a Grazie di Curtatone

CURTATONE. «Commemoriamo persone che non ci sono più. Ma il loro amore che non si tocca e non si vede, resta e non se ne va». Così Nicola Ferrari e Maria Angela Gelati dell’associazione “Maria Bianchi” hanno aperto la cerimonia sulla Riva della Madonna di Grazie di Curtatone in ricordo delle vittime del Covid19, organizzata assieme a Asst di Mantova e Comune di Curtatone.

Alla cerimonia, celebrata anche lo scorso anno, hanno preso parte una ventina di persone che hanno perso familiari a causa della malattia. Un rito per vivere il lutto individuale in una dimensione di comunità e che è stato caratterizzato dal silenzio e dalla grande commozione. Tra i partecipanti, ai quali è stato donato un fiore, hanno preso la parola Francesca di Parma, che ha perso l’anno scorso il padre per Covid 19 e che ha voluto ricordarlo attraverso una foto con i nipoti; Luciano di Levata, che ha visto morire la moglie per il virus quattro mesi fa dopo sessant’anni di matrimonio; Nadia di Grazie, il cui padre è scomparso lo scorso marzo e che ha voluto ricordare con una maglietta in ricordo di un viaggio; Enrico e la moglie che hanno perso il figlio Andrea improvvisamente a soli ventiquattro anni.

«Come istituzione vogliamo essere vicini alle persone che hanno subito un lutto per non farglielo vivere in totale solitudine e la scelta di questo luogo, molto sentito da tutta la cittadinanza mantovano, va in questa direzione; anch’io ho perso mio marito, per un cancro fulminante al pancreas in diciotto giorni, e posso dire che il dolore accomuna molte persone – ha affermato l’assessore alle politiche sociali del Comune di Curtatone, Angela Giovannini – Serve uno sforzo enorme per tornare a una vita normale, anche se risulta essere molto difficile». L’associazione “Maria Bianchi”, con sede a Stradella di San Giorgio Bigarello, offre dal 1986 sostegno gratuito alle persone in lutto e, al tempo stesso formazione e ricerca, sui temi della perdita.

Pubblicato su Gazzetta di Mantova