• Home
  •  > Notizie
  •  > Padre di tre figli muore dopo l’infortunio sul lavoro: l’addio a Volta Mantovana

Padre di tre figli muore dopo l’infortunio sul lavoro: l’addio a Volta Mantovana

L’operaio, 50 anni, era impegnato nella costruzione del metanodotto Rimini-Sansepolcro ed è stato travolto da grossi tubi

VOLTA MANTOVANA. Ancora una tragedia sul lavoro. Questa volta, a perdere la vita, un operaio 50enne originario della Campania, da anni residente a Volta Mantovana, sposato e padre di tre figli.

Francesco Cirillo, che avrebbe compiuto 51 anni a fine settembre, lavorava sul cantiere del metanodotto in alta Valmarecchia, provincia di Forlì-Cesena.

Cirillo, che era spesso impegnato in grandi cantieri e faceva una vita da trasfertista, era rimasto gravemente ferito nell’infortunio sabato 11 settembre. Purtroppo, per i gravi traumi riportati, è deceduto dodici ore più tardi. Dopo l’autopsia di prassi, il feretro è stato accompagnato a casa la mattina del 17 settembre e nel pomeriggio, alle 15, sono stati celebrati i funerali nella chiesa parrocchiale di Volta, cui è seguita la sepoltura nel cimitero dello stesso comune collinare, dove ormai la famiglia da anni si è stabilita.

L’infortunio – si diceva – è accaduto il giorno 11. Nel pomeriggio Cirillo si trovava, insieme alla squadra di operai che sta realizzando il metanodotto Rimini-Sansepolcro, a Sant’Agata Feltria. La dinamica precisa non è ancora nota: su questo sta indagando la Medicina del lavoro dell’Ausl Romagna che ha già effettuato il primo sopralluogo e messo sotto sequestro parte dell’area del cantiere dove è avvenuta la tragedia.

Pare che l’operaio sia stato travolto da grossi pezzi di tubi, stoccati in un’area poco distante dal cantiere vero e proprio, che poi vengono spostati per essere assemblati e saldati.

Sono stati i colleghi a dare l’allarme verso le 15: sul posto è stato fatto intervenire da Ravenna l’elicottero del 118 che ha portato il 50enne all’ospedale Bufalini di Cesena dove si è spento circa 12 ore dopo il ricovero.

Francesco lascia la moglie e tre figli (il minore ha vent’anni), due che vivono a Volta con la famiglia, mentre il più grande abita in Toscana.

Pubblicato su Gazzetta di Mantova