• Home
  •  > Notizie
  •  > Borgo Mantovano, muore 5 giorni dopo lo scontro e dona gli organi

Borgo Mantovano, muore 5 giorni dopo lo scontro e dona gli organi

L’anziano, 81 anni, residente a Concordia sulla Secchia, ha un fratello minore a Pieve di Coriano. Funerali il 18 maggio

BORGO MANTOVANO. Non ce l’ha fatta l’anziano rimasto coinvolto alcuni giorni fa in un incidente accaduto a Villa Poma. Germanino Bordini, 81 anni, di Concordia sulla Secchia (Modena) è deceduto all’ospedale di Cremona, dove era stato ricoverato in codice rosso.

I famigliari hanno acconsentito al prelievo di organi, quando i medici hanno comunicato loro l’irreversibilità dei traumi riportati.

L’incidente è successo nel pomeriggio del 10 maggio poco prima delle 17: l’uomo, alla guida della sua Fiat Panda, stava percorrendo la statale 12. Forse tornava da una visita al fratello minore Gabriele che da tanti anni, con moglie e figli vive a Pieve di Coriano, dove un tempo gestiva la pizzeria ristorante Esso insieme a Silvano Giubertoni. Sta di fatto che in corrispondenza dell’accesso al piazzale della ditta Borsari esce un camion che trasporta cereali. E’ un attimo: l’anziano probabilmente non si accorge in tempo dell’uscita del mezzo e questo, sporgendosi sulla statale, va ad urtare la Panda. Bordini perde il controllo dell’auto, percorre qualche metro sull’erba, poi l’auto si ribalta nel fosso, ruote all’aria. Arrivano i soccorsi con l’auto medica del 118 e l’ambulanza della Croce Bianca di Quistello. Sul posto anche i vigili del fuoco e la polizia stradale di Ostiglia incaricata delle indagini. L’uomo, in gravi condizioni, viene trasportato all’ospedale di Cremona in elicottero. Le sue condizioni sono gravi, al punto che l’81enne entra in coma. Purtroppo non si riprenderà più e viene dichiarata dai medici la morte cerebrale. I fratelli e i nipoti (Bordini non era sposato), con un grande gesto di generosità, hanno acconsentito al prelievo di organi. Organi che andranno a cambiare la vita ad altre persone. I funerali sono fissati per il 18 maggio a Concordia. 

Pubblicato su Gazzetta di Mantova