• Home
  •  > Notizie
  •  > Pneumologia Poma Mantova: l’eredità di De Donno al primario Beccaria

Pneumologia Poma Mantova: l’eredità di De Donno al primario Beccaria

La manager Azzi nomina lo specialista alla guida del reparto. Per anni è stato il vicario del medico scomparso a luglio

MANTOVA. Non si ferma al Carlo Poma la nomina dei nuovi primari. Nei giorni scorsi il direttore generale dell’Asst di Mantova, Mara Azzi, ha conferito l’incarico quinquennale di direttore della struttura complessa di Pneumologia al dottor Massimiliano Beccaria dopo l’espletamento dell’ultimo concorso pubblico.

Il dottor Beccaria, 52 anni, era già primario facente funzione, incarico che gli era stato assegnato dopo l’improvvisa e prematura scomparsa, a luglio dello scorso anno, del dottor Giuseppe De Donno.

Con quest’ultima nomina sono già diversi i nuovi primari designati dal manager del Poma. Negli ultimi mesi sono stati nominati i primari della Psichiatria giudiziaria (Fabio Teti), della Chirurgia toracica (Andrea Droghetti), dell’Urologia (Paolo Parma) e del Serd (Massimo Degli Esposti). Dal suo arrivo a Mantova il direttore generale ha messo in campo già dodici concorsi per la copertura dei primariati vacanti.

Il nuovo primario della Pneumologia dopo laurea in medicina e chirurgia all'università di Pavia ha conseguito la specializzazione in malattie dell’apparato respiratorio nella stessa struttura universitaria.

La carriera lavorativa di Beccaria è ricca di esperienze di notevole importanza. Tra gli altri suoi incarichi anche quello di responsabile della struttura semplice di “Assistenza Domiciliare Respiratoria" dell’Asst di Mantova. Precedentemente ha ricoperto l’incarico temporaneo di direzione della struttura complessa di Pneumologia in continuità con la funzione vicariale precedente.

Nel 2019 è stato vice primario della Pneumologia del Poma ed è stato responsabile del percorso diagnostico terapeutico dipartimentale dell’ipertensione arteriosa polmonare. Nel decennio che va dal 2010 al 2020 è stato membro esecutivo del comitato editoriale della rivista scientifica “Rassegna di Patologia dell’Apparato Respiratorio” organo ufficiale dell’associazione Pneumologi Ospedalieri Italiani e coordinatore nazionale del gruppo di studio di fisiopatologia respiratoria.

Tra le sue funzioni anche il ruolo di clinical manager nell’ambito del programma regionale per le malattie croniche.

Pubblicato su Gazzetta di Mantova