• Home
  •  > Notizie
  •  > Donna di 49 anni trovata senza vita in un cortile

Donna di 49 anni trovata senza vita in un cortile

Vola dalla finestra di una scala condominiale. La prima ipotesi è il suicidio, ma andrà confermata: il 18 agosto l’autopsia

MANTOVA. L’hanno trovata di mattina senza vita in un cortile tra due palazzoni di via Bressanone, a Lunetta. Molto probabilmente era lì da ore, dalla notte o dalla tarda serata precedente. Secondo quello che hanno ricostruito i carabinieri, la donna, una 49enne che vive in un altro quartiere con il marito e due figli, sarebbe caduta dalla finestra di una scala condominiale. Suicidio? Questa sarebbe la prima ipotesi. Ma è tutt’altro che certa: dovrà essere confermata dall’autopsia, già disposta dal magistrato di turno. L’esame si svolgerà giovedì 18 agosto al Poma, dove la salma è stata composta alle camere mortuarie.

A dare l’allarme per il corpo, trovato esanime a terra, sono stati  i residenti dei palazzi vicino all’ex supermercato Conad. Ma ai soccorritori del 118 arrivati in via Bressanone pochi minuti dopo è apparso purtroppo evidente che non c’era più nulla da fare e che il decesso risaliva a diverse  ore prima. Sul posto nel frattempo è arrivata una pattuglia dei carabinieri.

Alla scena dei tentativi di soccorso e al recupero della salma hanno assistito molte persone, e la drammatica notizia nel corso della giornata ha fatto il giro del quartiere e s’è allargata ai social.

Dalle scarse notizie trapelate finora, è emerso che la donna non abitava a Lunetta, ma in un’altra zona della città con il marito e due figli. Altra circostanza: sarebbe uscita di casa nel tardo pomeriggio di lunedì, cioè il giorno di Ferragosto, per poi non fare più rientro.

I familiari, non vedendola tornare a casa, in preda all’angoscia dopo alcune ore hanno dato l’allarme. Tra i dubbi su una vicenda ancora da ricostruire nei dettagli, resta anche un grosso punto interrogativo: per quale motivo la donna è andata fino a Lunetta, e proprio in quel palazzo? E perché è caduta da quella finestra del secondo piano? Dalle immagini delle telecamere visionate finora, sembra che a donna sia arrivata in via Bressanone da sola. 

Interrogativi che forse solo in parte sarà in grado di sciogliere l’autopsia: la risposta dovrà arrivare dalle indagini dei carabinieri, che al momento non possono escludere in modo assoluto alcuna ipotesi.

Pubblicato su Gazzetta di Mantova