• Home
  •  > Notizie
  •  > Travolta in bici mentre va al cimitero

Travolta in bici mentre va al cimitero

Guidizzolo. La pensionata di 76 anni di Rebecco, nonna dell’assessore Zampolli, era a poche centinaia di metri da casa

GUIDIZZOLO. Stava andando al cimitero in bicicletta, come faceva due volte ogni giorno, da anni. Da quando il marito Gino era scomparso. In sella alla sua bici elettrica, percorreva la strada che da Rebecco porta verso Guidizzolo, quando un’auto le è piombata alle spalle e l’ha travolta. Per lei non c’è stato nulla da fare.

Elda Tosi, 76 anni, pensionata di Rebecco, nonna dell’assessore alle politiche scolastiche e della famiglia di Guidizzolo Simone Zampolli, è morta così, ieri pomeriggio poco dopo le 13,30.

A poche centinaia di metri dalla casa di via Bottega dove era rimasta a vivere con il figlio Fulvio e vicino alla famiglia dell’altro figlio, Gilberto. L’anziana che godeva di ottima salute e «aveva sempre un sorriso per tutti» come la ricorda il sindaco di Guidizzolo Sergio Desiderati, che ieri pomeriggio è accorso appena informato dell’incidente, era uscita di casa da pochi minuti, ieri, subito dopo pranzo, in bici, approfittando della giornata di sole.

Ha percorso via Bottega, via Oratorio e poi si è messa in strada per Medole, la via più breve e meno trafficata per arrivare a Guidizzolo. Superato l’incrocio con strada degli Squadri, ha svoltato a destra. Proprio in quegli istanti da sinistra, proveniente da Medole, è arrivata una Chrysler con a bordo quattro giovani ghanesi. Il conducente non ha visto la ciclista: ha tirato dritto e l’ha travolta in pieno. Per la violenza dell’urto, la bicicletta elettrica è stata sbalzata dall’altra parte della carreggiata e Elda Tosi è rimasta a terra, priva di conoscenza.

Immediatamente sono stati allertati i soccorsi: le condizioni della donna sono sembrate subito molto gravi, tanto che dall’ospedale di Brescia è decollato l’elicottero. Ma il velivolo è stato fatto rientrare pochi minuti dopo. Nonostante i tentativi disperati dei sanitari arrivati con ambulanza e automedica, l’anziana è deceduta. A Rebecco sono arrivate subito dopo le pattuglie dei carabinieri di Guidizzolo e di Castiglione.

Non hanno avuto bisogno di avvertire i parenti, perché nel piccolo paese la notizia della disgrazia si è sparsa nel giro di pochi minuti. Poco dopo è arrivato anche il sindaco Desiderati, che si è fermato a confortare i familiari. La salma è stata portata alle camere mortuarie del cimitero di Guidizzolo, in attesa delle decisioni del magistrato.

Il conducente della Chrysler, residente a Castel Goffredo, lievemente contuso, è stato portato in ospedale per accertamenti sul suo stato di salute. Compito dei carabinieri ora verificare se l’automobilista abbia travolto l’anziana a causa di un momento di distrazione, della velocità eccessiva o se fosse alterato da un abuso di alcol.

Pubblicato su Gazzetta di Mantova