• Home
  •  > Notizie
  •  > Il Comune onorerà Giagnoni: il suo nome anche allo stadio

Il Comune onorerà Giagnoni: il suo nome anche allo stadio

Ipotesi di tributo per il mister: la sua memoria nelle tribune del Martelli o in una via. La Te sta preparando uno striscione celebrativo. Il Platan: «Dedicategli la curva»

MANTOVA. Al di là delle reazioni del calcio italiano, i cui vertici non hanno pensato nemmeno a un gesto simbolico (almeno finora), Mantova fa in pieno la sua parte per onorare nel modo adeguato la memoria di Gustavo Giagnoni l’ex giocatore, allenatore e dirigente del Mantova scomparso martedì sera (7 agosto) a Folgaria all’età di 86 per un malore. E lo fa cominciando dall’epicentro della sua vita politica, dal Municipio di via Roma 39, dove il sindaco e il suo staff stanno valutando le iniziative più opportune.


Ancor prima che buon mezzofondista Libertas il portavoce del sindaco Mattia Palazzi, Stefano Simonazzi, è cresciuto a “pane e biancorosso” a Cesole, sede dello storico club di tifosi, con il padre Francesco che ha cercato di instillargli da subito il virus: «Il Comune sta pensando ad alcune iniziative per ricordare nel modo migliore Gustavo Giagnoni - spiega - fra queste potrebbe anche esserci l’intitolazione della Tribuna del Martelli, si potrebbe anche organizzare una commemorazione istituzionale oltre, naturalmente, all’intitolazione di una via o di una piazza. Credo che le prossime ore porteranno il Comune a fare una scelta».


I Ragazzi della Te sono di certo uno dei fronti più caldi della tifoseria biancorossa, e Massimo Marchetti è da sempre il loro capo: «Ho avuto la fortuna di conoscere Gustavo Giagnoni e il rimpianto per la sua scomparsa è grande. Di sicuro domenica lo ricorderemo con uno striscione e qualcuno di noi parteciperà ai funerali. Lui è sempre stato vicino al Mantova, spero che il Comune lo ricordi adeguatamente. È l’unico nella storia ad avere portato il Mantova alla serie A prima da giocatore e dopo da allenatore».


Anche Rinaldo Pizzi, presidente del Centro coordinamento Mantova club, parteciperà con alcuni rappresentanti dei sodalizi iscritti alle esequie del Mister e condivide l’idea di intitolare la struttura dello stadio a Giagnoni: «Sarò presente all’apertura della camera ardente e personalmente sono d’accordo con chi vuole intitolare lo stadio a questo grande personaggio; di certo sarebbe molto bello che Gustavo Giagnoni venisse onorato come merita per tutto quanto ha fatto per il Mantova».


Poche, ma non nulle, le possibilità che domani, in occasione dei funerali in Duomo, venga decretato il lutto cittadino come avevano ipotizzato alcuni tifosi. Fra gli sportivi che frequentano la curva Te non manca chi, come il dirigente dello storico club dal Platan , Stefano Rossi, lancia l’idea di intitolare il settore del tifo più acceso e passionale proprio alla memoria del Giagno: «Il nostro sodalizio - sottolinea - andrà in mattinata alla camera ardente. Intendiamo onorare la memoria del Mister inserendolo nella Hall of fame».

Pubblicato su Gazzetta di Mantova