• Home
  •  > Notizie
  •  > Delitto tra vicini di casa Udienza preliminare fissata il 12 novembre

Delitto tra vicini di casa Udienza preliminare fissata il 12 novembre

REGGIOLOÈ’ stata fissata al 12 novembre l’udienza preliminare sull’omicidio di Francesco Citro, il 31enne freddato a colpi di pistola nella sua casa di Villanova di Reggiolo nel 2017. Dell’omicidio è...

REGGIOLO

È’ stata fissata al 12 novembre l’udienza preliminare sull’omicidio di Francesco Citro, il 31enne freddato a colpi di pistola nella sua casa di Villanova di Reggiolo nel 2017. Dell’omicidio è accusato il mantovano Gianpaolo Dall’Oglio, 63 anni. Per Dall’Oglio, che si è sempre professato innocente e che era già stato colpito da ordinanza di custodia cautelare, restano le accuse pesanti come macigni di omicidio aggravato, detenzione illegale d’arma da fuoco e incendio della vettura della moglie della vittima.

A portare i carabinieri a Dall’Oglio, nei giorni di concitate indagini subito dopo il delitto, era stata la moglie di lui. Una conferma importante, secondo l’accusa, è arrivata dagli accertamenti del Ris, che hanno riscontrato tracce di polvere da sparo sugli indumenti sequestrati a Dall’Oglio e lavati prima del sequestro (il vicino non era uscito a prestare aiuto alla vittima). L’arma del delitto non è mai stata trovata. Interrogato in carcere dal pubblico ministero Valentina Salvi, alla presenza del suo avvocato Dall’Oglio ha riferito che al momento dell’omicidio, stava dormendo, e di essere stato svegliato proprio dagli spari.

Per gli inquirenti il risultato dell’esame incastrerebbe l’accusato visto che il 63enne, la sera del delitto, non era uscito dal proprio appartamento per soccorrere la vittima, freddata a colpi di pistola sul pianerottolo della scala per banali motivi.—

Pubblicato su Gazzetta di Mantova