• Home
  •  > Notizie
  •  > Si scontra con l’auto Barista di 51 anni muore in scooter

Si scontra con l’auto Barista di 51 anni muore in scooter

La vittima è titolare di un bar a San Pietro di Legnago Illesa e sotto shock la donna a bordo della vettura

RONCOFERRARO. Schianto tra una moto e un’auto nella tarda serata di venerdì a Roncoferraro, in località Molinello.

Teatro dell’ultima tragedia della strada l’intersezione tra la provinciale 33 e la provinciale 80, in quel tratto denominata via Edmondo De Amicis.

Ad avere la peggio è stato il motociclista che viaggiava su uno scooter Yamaha T Max. La vittima è un barista di Legnago, Daniele Bonfante, 51 anni, residente nel centro veronese in via Molise.

Intorno alle 23.30 percorreva via De Amicis quando ad un tratto si è scontrato con un’Alfa Romeo Giulietta al volante della quale c’era una donna di 40 anni, rimasta illesa anche se sotto shock.

Lo scontro è stato particolarmente violento e il motociclista è stato sbalzato a parecchi metri di distanza. La richiesta di soccorso è stata immediata. A Roncoferraro sono subito arrivate due ambulanze, una del 118 e l’altra di Soccorso Azzurro, e l’automedica con rianimatore a bordo.

All’arrivo i sanitari si sono subito resi conto delle gravissime condizioni del ferito che non dava più segni di vita. Hanno comunque tentato la rianimazione, ma purtroppo senza esito. La salma è stata composta all’obitorio dell’ospedale Carlo Poma. Soccorsa sotto shock anche la donna al volante dell’auto.

Ad eseguire i rilievi è accorso il personale delle forze dell’ordine che ha ricostruito la dinamica dell’incidente, sentendo anche la testimonianza dell’automobilista coinvolta nello scontro.

Daniele Bonfante è molto conosciuto a Legnago, dove è titolare del bar Crocodile Food in centro nella località San Pietro. Lascia nel dolore la moglie. Venerdì sera era venuto in territorio mantovano per fare un giro in moto. E tutti gli amici sono concordi: «Daniele non era uno che correva, anzi, era molto prudente, non spingeva mai al massimo la moto». Da tutti era conosciuto con il soprannome di Spado, per la somiglianza con Spadino, personaggio della serie tv americana Happy Days. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI



Pubblicato su Gazzetta di Mantova