• Home
  •  > Notizie
  •  > Mantova, muore tre giorni dopo la caduta dal ponteggio

Mantova, muore tre giorni dopo la caduta dal ponteggio

Non si è più ripreso l’operaio infortunato mentre verniciava le grondaie. Stop alla sagra di Ferragosto, mercoledì i funerali

BORGOCARBONARA. Il trauma alla testa riportato nella caduta era molto serio, il che giustificava l’intervento dell’elisoccorso e il ricovero all’ ospedale di Cremona, dotato di reparto di neurochirurgia. Resta il fatto che sulle prime ai soccorritori le sue condizioni non erano parse critiche.

Ma nelle ore successive al ricovero il suo stato si è progressivamente aggravato. Non ce l’ha fatta Gabriele Menghini, l’operaio di 54 anni caduto mercoledì scorso da un’altezza di tre metri e mezzo mentre smontava un ponteggio mobile al termine di un lavoro a casa della suocera, in via Ferrarese: è morto a tre giorni dal ricovero. I funerali si terranno mercoledì 14 agosto alle 16.

Le cerimonia si svolgerà a Sermide, per via della chiusura per restauri della chiesa di Carbonara. La morte di Menghini – in paese conosciuto come Ceri – operaio alla Unical e in gioventù giocatore di calcio nel Boca Juniors, è stata accolta da un’ondata di cordoglio. Tanto che gli spettacoli musicali della sagra carbonarese di Ferragosto sono stati sospesi.. L’infortunio è accaduto il 7 agosto poco prima delle dieci e mezza del mattino a due passi dall’hotel Passacör. L’operaio, che da pochi giorni aveva compiuto gli anni ed era in ferie, stava verniciando le grondaie a casa di Palma Bassi, la suocera, in previsione di trasferirsi da lei, lui e la moglie Cristina.


Cos’è accaduto? Menghini non ha avuto modo di raccontarlo. È scivolato, o ha messo un piede in fallo, mentre si trovava sul trabattello ed è volato di sotto per quasi quattro metri. Nella caduta ha battuto la fronte contro un supporto del ponteggio e poi la nuca sul selciato. Di qui il trasporto con l’elicottero del 118 a Cremona dove sabato mattina, a dispetto delle cure dei medici che hanno tentato tutto il possibile, è spirato. Ieri la salma era alla casa del commiato Domus Concordia di Pieve dove in tanti si sono uniti al dolore della moglie e delle figlie Irene e Chiara. La salma sarà cremata al cimitero di Borgo Angeli.

Pubblicato su Gazzetta di Mantova